Teatro Valle occupato, in scena la mobilitazione dei lavoratori della conoscenza: tra i sostenitori anche Stefano Rodotà

Quanto vale la cultura italiana? E che ruolo avrà nel futuro del Paese? Sono alcune delle domande che hanno animato l'assemblea dei lavoratori della conoscenza indetta venerdì 30 settemebre a Roma al Teatro Valle occupato.  Un invito al confronto e al dibattito partito dai lavoratori dello spettacolo che dallo scorso giugno occupano il prestigioso teatro romano. All'appello hanno risposto in tanti: professionalità provenienti dal mondo della cultura, dell'arte, dei media, ma anche studenti e liberi professionisti. Arrivati da tutta Italia per condividere esperienze e iniziare ad immaginare strategie nuove in grado di restituire dignità e diritti al lavoro intellettuale italiano. Troppo spesso derubricato a semplice passatempo creativo.

 
















La Repubblica degli Stagisti ha incontrato i protagonisti della mobilitazione, raccolto le loro testimonianze e quelle di chi, come Stefano Rodotà, ha compreso e condiviso le ragioni della battaglia culturale intrapresa dai lavoratori del Valle.



Ilaria Costantini


Per saperne di più su questo argomento guarda anche:

- «Meglio fottere (che farsi comandare da questi)» Dal romazo alla realtà politica italiana. Intervista a Giulia Innocenzi
- Eleonora Voltolina lancia l'iniziativa «Il nostro tempo è adesso»
- «Precari. Storie di un’Italia che lavora» Il libro di Marianna Madia accende il dibattito tra Tremonti e Camusso sul welfare per gli atipici




Community