Ordina per...

Devi effettuare il login per crere una discussione

Cerca nel Forum

Tirocinio curriculare e dis-coll

Ciao Tamara, purtroppo sì, essendo il tirocinio curriculare non esiste - purtroppo - nessun obbligo in capo all'azienda quanto alla corresponsione del rimborso spese. Quanto alle comunicazioni con l'azienda, a nostro parere non è necessario informarli della la tua posizione prima ancora di cominciare oppure una volta iniziato il tirocinio. Se ti riferisci all'impegno di lavoro, l'importante è che loro non vengano pregiudicati dalla tua seconda occupazione. La decisione dell'azienda sul rimborso spese non dovrebbe inoltre dipendere dalla tua posizione e dal fatto che tu già percepisca un qualche tipo di indennità o stipendio, che per di più ti spetta di diritto. In risposta a #post29663

Ultimo Post: 16 ore, 31 minuti fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Tirocinio e lockdown

Ti postiamo un articolo che potrebbe fare al caso tuo. Eccolo qui: https://www.repubblicadeglistagisti.it/article/tirocini-garanzia-giovani-seconda-ondata-covid. Attenzione però, perché qui si parla di cosa accade ai tirocini in Garanzia giovani e per le zone rosse, dunque la panoramica è circoscritta. Trovi però il punto su come le regioni contrassegnate in rosso si stanno comportando. Quanto al resto dei tirocini, le restrizioni dovrebbero essere in linea di massima quelle adottate nel corso della prima ondata. Dunque sta alle aziende sostanzialmente la decisione di portare avanti i percorsi di tirocinio facendoli proseguire a distanza, senza dover procedere con l'interruzione. In quale ambito si svolge il tuo tirocinio? In quale regione ti trovi? Ti hanno già comunicato qualcosa su come intendono muoversi? Facci sapere, e un caro saluto In risposta a post29585

Ultimo Post: 4 giorni, 16 ore fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Cerco consiglio

Ciao Mar, è molto apprezzabile, sul piano umano, che tu voglia essere del tutto trasparente con l'azienda con cui stare per iniziare il tirocinio per preservare quei buoni rapporti a cui facevi cenno. Ci sembra però la tua una preoccupazione eccessiva, e questo per vari motivi. L'azienda è innanzi tutto dentro il programma Garanzia giovani, quindi non è neppure chiamata a erogare per intero il rimborso spese, che è cofinanziato dalla Regione, dunque il tuo tirocinio non rappresenta per loro un grosso onere finanziario. In più, hanno chiarito da subito che non potranno assumerti, perciò la tua presenza lì è sostanzialmente giustificata dal fatto che all'azienda "fa comodo" una momentanea risorsa in più, benché tirocinante, pur non essendo disposta poi a assumerlo e pagarlo in qualità di dipendente. Dal canto tuo, tu hai solo ricevuto una chiamata per un inizio di selezioni, dunque non sappiamo, ahinoi, come tale processo andrà a concludersi. Sarebbe pertanto prematuro andare a raccontare il tutto all'azienda, che non ha motivo di sapere in anteprima cosa ne sarà di te sul piano professionale, tanto più che ha dichiarato di non avere modo di inserirti in organico. Solo una volta che ti ritroverai davanti un'offerta di lavoro vera e propria avrà senso comunicarlo all'azienda che ti ospita come tirocinante. Speriamo di averti aiutato a orientarti in questa situazione. Torna a scriverci per aggiornarci, e nel frattempo un caro saluto

Ultimo Post: 5 giorni, 16 ore fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Dossier Individuale dello stagista

Ciao Andrea, non c'è una risposta univoca alla tua domanda. La valutazione che infatti farà l'azienda del tuo percorso è molto soggettiva, dipendendo da fattori che hanno a che fare appunto con le impressioni suscitate in chi ti ha affiancato in questi mesi. Certo, inutile negare che anticipare la fine del tirocinio non è un ottimo indizio quanto al tuo interesse nei confronti dello stesso. Supponiamo però che nel tuo caso si tratti di un tirocinio curriculare, magari anche senza rimborso spese, dunque sarebbe più comprensibile la tua scelta di volerlo interrompere in anticipo per non allungare ulteriormente gli studi. Una motivazione di questo tipo è a nostro parere condivisibile, e dunque nulla dovresti temere in quanto a reazioni negative da parte dell'azienda ospitante rispetto alla decisione di non proseguire oltre. Quanto alle modalità di comunicare la tua scelta, anche se non ci sono previsioni in merito, il consiglio è quello di farlo nel modo più corretto possibile, dunque per esempio parlandone prima con il tuo tutor per poi formalizzare il tutto in una mail. Facci sapere come va a finire, e nel frattempo un caro saluto

Ultimo Post: 6 giorni, 16 ore fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Stage curricolare e prof. esigente

Buongiorno a tutt*, sono uno studente di Scienze statistiche che ha da poco iniziato uno stage curricolare in una compagnia assicurativa. Prima di arrivare a questo punto devo fare alcune premesse: intorno al mese di ottobre ho contattato un professore della mia università per chiedergli se fosse disponibile come relatore per lo sviluppo della tesi di laurea. L'argomento mi è stato suggerito dal professore stesso, sulla base degli interessi che gli ho dichiarato e ovviamente del mio percorso di studi. Sono al secondo anno della magistrale e ho provveduto a contattare con largo anticipo il suddetto docente, ponendo come possibile data di laurea Settembre 2020, per cercare di organizzare e strutturare bene un lavoro che mi permettesse di sviluppare qualcosa di sostanzioso per step, mentre frequentavo e studiavo per dare gli esami. Dopo circa 2 settimane di lavoro sulla tesi, il prof. mi ha suggerito di inserirmi in un contesto aziendale che si occupava proprio di quello che è alla base dello sviluppo del mio elaborato: per come era stata fatta la proposta, io avrei dovuto lavorare in un contesto aziendale al fine di sviluppare la mia tesi. Questi accordi sono poi stati ribaditi anche dai miei responsabili. Questa situazione tuttavia si è trasformata in qualcosa di totalmente diverso: sono finito a lavorare per 8/9 ore al giorno (pausa pranzo esclusa chiaramente) su cose che non sono legate al mio percorso e che, anzi, hanno finito per non farmi studiare e non farmi lavorare alla tesi. Anche il progetto alla base della mia tesi si è rivelato in uno stadio embrionale in cui è più il lavoro di preparazione e di analisi che di sviluppo. In una situazione del genere mi sento molto demotivato ed afflitto, un pò perchè sono stato abbandonato dal docente stesso che ha liquidato il tutto con "eh ma lei lo sapeva", un pò perchè mi sento in trappola. In una situazione del genere mi sento solo sfruttato da una azienda che non fa altro che allontanarmi dai miei traguardi accademici (passare gli esami e uscire col massimo) e anche di ricerca (facendomi lavorare su una parte estremamente lunga e preliminare e non concernente lo sviluppo del progetto). Il prof ha anche ragione.. io lo sapevo che il mondo del lavoro era spietato, ma onestamente non pensavo di essere penalizzato anche dalle stesse persone che dovrebbero aiutarmi a concludere il mio percorso accademico con eccellenza! E questa è la mia assoluta priorità. Arrivando al dunque: io vorrei andarmene, tornare a studiare e a dare gli esami che mi mancano. Ho rinunciato a diverse opportunità più interessanti e formative proprio per lavorare ad un progetto che alla fine non ho neanche scelto io! Il problema, ora come ora, è che se decido di andarmene devo anche cambiare relatore essendo convinto che questa situazione abbia creato un precedente. Il contratto durerebbe 6 mesi, quindi finirebbe a inizio maggio. Praticamente salterei una sessione di esami ed un intero semestre di lezioni (l'ultimo). Voi cosa mi consigliate di fare? Secondo voi sto esagerando? Scusate se ho fatto errori o non sono stato chiaro su alcuni punti.

Ultimo Post: 6 giorni, 18 ore fa

Di: JJoeG

Leggi tutto

Insoddisfazione di stage

Purtroppo la pandemia in corso non è di aiuto, caro qwerty, e i comuni problemi di uno stagista alle prime armi si sommano all'isolamento del lavoro da remoto che, siamo d'accordo con te, può portare a un senso di frustrazione dovuto alla mancanza di confronto con i colleghi. Non ci sono però soluzioni immediate. Deve passare questo terribile momento storico prima di poter pensare a un ritorno alla "vita in comune" per esempio negli uffici, quella che è forse imprescindibile per un tirocinante che per imparare ha bisogno di essere circondato fisicamente dal lavoro degli altri, in modo da poterlo osservare. Nel frattempo cerca di resistere e coltivare più possibile la tua motivazione pensando che è già tanto, di questi tempi, poter contare su una qualche opportunità (pensa che il numero dei tirocini a causa della pandemia si è mediamente dimezzato). Torna a scriverci per aggiornarci sugli sviluppi, e nel frattempo un caro saluto

Ultimo Post: 1 settimana fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Pagamento contributo per tirocinio

Si, esattamente. Ho chiesto rispetto a quali norme viene chiesto al tirocinante di versare il contributo ma non ho avuto risposte!

Ultimo Post: 1 settimana, 1 giorno fa

Di: Aligio70

Leggi tutto

Magistrale o Master?

Ciao ultimate15,In linea generale io mi trovo d'accordo sia con la Redazione_RdS sia con Leo91: continua con la magistrale e non te ne pentirai, magari anche facendo qualche esperienza all'estero.Tuttavia, per esperienza personale, ti consiglio di proseguire con passione i tuoi studi e vedrai risultati soddisfacenti. Dal mio punto di vista dire "non ti perdere dietro a voti di laurea, tesi infinite e baroni universitari" ha poco senso, perché quando studi con motivazione e passione i bei voti vengono di conseguenza senza neanche pensarci. La tesi magistrale rappresenta il culmine, il punto più alto dei tuoi studi, e non c'è cosa più soddisfacente e stimolante di realizzare un elaborato che veramente rappresenta te e il tuo pensiero critico. Quindi, a mio modo di vedere, il tempo che metterai nella tesi non sarà mai tempo sprecato.Questi, in base alla mia esperienza, sono i consigli che ti posso dare.Ti faccio un grande in bocca al lupo per il tuo futuro.

Ultimo Post: 1 settimana, 1 giorno fa

Di: Mar92

Leggi tutto

dreamcatcher marghera

#DreamCatcher, altro che acchiappasogni, distruggi sogni direi.Allora, il primo colloquio lo faccio con due donzelle che avranno l'età di mia figlia, una della quale muta come un pesce. Di tutto il colloquio mi ingolosisce il fisso di mille euro e la possibilità di incrementarlo con il fatturato e l'impegno, che non mi manca.La sera stessa del colloquio  vengo contattato e mi viene detto con parole edulcorate che ho passato la prima selezione e che ho fatto una buonissima impressione (a chi? Mi chiedo. Alle due bimbe dell'asilo). Ad ogni modo, vengo invitato al secondo colloquio e al relativo breve corso di formazione.  Mi presento il giorno dopo e trovo in sala d'attesa praticamente tutti coloro che c'erano al primo colloquio (alla faccia della selezione), forse ne mancano un paio, probabilmente più intelligenti di me e degli altri, perché hanno sgamato la farsa già al primo colloquio.Il breve corso di formazione non è altro che una miserevole apologia delle attività dell'azienda condite con un paio di video pubblicitari impersonati da quel picco di notorietà che porta il nome di Claudio Lippi.Si accenna ai soldi solo a fine filmino quando la platea è sfinita e non ne può più del video (stile arancia meccanica). E lì ragazzi, è il parossismo delle catene di sant'Antonio. Nessun fisso, o meglio un fisso- mobile (ossimoro degli ossimori). In breve, devi procurarti dai 60 ai 90 clienti al mese, (Tu, non Loro) e allora avrai i 1000. Se te ne procuri 59 hai lavorato per loro, ma gratis. Scappate finche siete in tempo. In risposta a #29615

Ultimo Post: 1 settimana, 4 giorni fa

Di: Sergio78

Leggi tutto

Rimborso Spese durante assenza per covid-19

Ciao Michele, purtroppo per il tirocinio non è prevista l'obbligatorietà del rimborso spese nel caso di assenza dello stagista. Trattandosi infatti non di un rapporto di lavoro vero e proprio, ma di una esperienza di formazione sul campo il rimborso spese va concepito non come uno stipendio (che include anche malattia e ferie), bensì come una copertura per le spese che comporta lo stesso tirocinio. Non è detto però che l'azienda si tiri indietro dal pagare anche le assenze: potrebbe comunque farlo, ma semplicemente non ha nessun obbligo in tal senso. C'è per caso qualcosa di specifico al riguardo nella convenzione di stage sottoscritta? Dai un'occhiata per sicurezza perché potresti trovare qualche clausola in merito, anche in considerazione dell'emergenza Covid in corso. Facci sapere cosa accadrà, e un caro saluto

Ultimo Post: 1 settimana, 4 giorni fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto