Ordina per...

Autenticati per poter ricevere gli aggiornamenti

Cerca nel Forum

Interruzione anticipata stage

8 anni, 8 mesi fa di Silly

Ciao a tutti,
mi sono diplomata con 100 in Ragioneria quest'anno e il primo settembre ho iniziato a "lavorare" presso una ditta di costruzioni. Inizialmente mi avevano detto che il contratto sarebbe stato di apprendistato, poi invece hanno optato per uno stage di 2 mesi con rimborso di 400 o 600 €. Alla fine abbiamo firmato lo stage i primi di Dicembre, e durerebbe fino a Giugno! Nello stage l'orario è di 160 ore mensili, mentre io tra Settemre e Novembre ne ho fatte più di 200 al mese perchè se serveiva ero disponibile. Ok, fin'ora ho preso 400 per 3 mesi, quindi 1200€. Il fatto è che nessuno mi aiuta, avevano detto che avrei avuto la possibilità di crescere ed imparare, ma sono sempre lì da sola (l'ufficio è piccolissimo) ed il mio tutore, il titolare, è un muratore e come posso imparare da lui? Volevo già andarmene all'inizio, ma poi ho resistito sino ad ora, quando è arrivata la proposta di un centro commerciale per lavorare come commessa, con possibilità di assunzione in ufficio (io mi adatto e sono stra felice, anche se il mio sogno è di fare l'impiegate o la segretaria). Sarei retribuita per più di 1000€ al mese...E quindi penso proprio di lasciare lo stage...non ho sicurezze e possibilità di crescita e per 400€ al mese, dove per la benzina e per altro vanno tutti...Pensare che al colloquiop con questa ditta mi avevano assicurato che sarei diventata independente economicamente come io desideravo, perchè a 20 anni, dopo essersi stra impegnata a scuola ed impegnarsi al lavoro per niente, dover "pesare" ancora sui genitori e non poter contribuire per le spese familiari è veramente frustrante...Quindi posso recedere unilateralmente da un giorno all'altro, cosa devo fare? Ed inoltre i miei 400€ mi verrano dati? Visto che a dicembre ho fatto 177 ore??
Grazie!
Saluti!

Silly

8 anni, 8 mesi fa

Vi ringrazio molto! Ora stavo provando a chiamare il titolare, nonchè tutore, ma è impegnato...quando riuscirò a contattarlo, gli dirò tutto, sperando che voglia anche fare una chiacchierata a quattr'occhi e poi invierò la comunicazione di cessazione dello stage al centro per l'impiego. So che il mio titolare se la prenderà sicuramente molto, ma ho preferito pensare a me stessa e ai miei genitori, che mi hanno aiutato tantissimo moralmente, ma soprattutto economicamente in questi mesi e non sapete quanto mi dispiace dover dipendere ancora da loro a 20 anni e non poterli ripagare per quello che hanno fatto! Spero solo che ora vada tutto per il meglio...Vi ringrazio tantissimo, di cuore!

Eleonora Voltolina

8 anni, 8 mesi fa

Bisogna comunicare l'interruzione anticipata dello stage all'ente ospitante (ditta di costruzioni) e all'ente promotore (centro per l'impiego), meglio se per iscritto. Una email andrà benissimo!

danrur

8 anni, 8 mesi fa

come già ti hanno detto, non mi farei troppi problemi per l'azienda che lasci, nè darei la disponibilità (se non ben retribuita) a dare una mano "extra".

In fondo, ogni problema che tu sollevi è colpa loro. E' colpa loro se ritengono indispensabile una stagista per svolgere lavoro d'ufficio, è colpa loro se non hanno tempo per cercare un'altra persona (se hanno veramente bisogno il tempo lo trovano), e via dicendo.

Io non mi preoccuperei troppo delle scocciature che tu causi ad altri, un rapporto di lavoro (o di stage in questo caso) è regolato da un contratto (o convenzione, in questo caso). Tu non sei tenuta a fare una virgola in più rispetto a quanto c'è scritto. Su questo non c'è riconoscenza (per cosa poi?) che tenga. Della serie "E' stato bello, ma ho trovato di meglio. Arrivederci e grazie"

Silly

8 anni, 8 mesi fa

Grazie mille per la risposta, direttissima, ma hai ragione!...Oggi ho firmato il contratto con il centro commerciale: 45 giorni di prova e se tutto va bene poi contratto di 6 mesi...Ci spero! Devo però ancora comunicare al mio "tutore" che non voglio più andare (volevo essere un po' più sicura di quest'altro posto, prima di fare scelte troppo azzardate)...Spero solo che non si arrabbi troppo e spero di non mettere nei casini l'azienda, perchè non ero indispensabile, però ero sempre in ufficio per ogni evenienza e, visto che loro sono sempre via, presumo che un po' di disguidi li stia creando con questo mio comportamento...Io, nelle mezze giornate che ora avrò libere e nel giorno di riposo dal centro commerciale, sono comunque disposta a dare ancora una mano per questa azienda...perchè comunque ci tengo...o dite che sbaglio? Ps per la cessazione dello stage devo avvisare anche il centro per l'impiego oppure posso solo mandare una mail al mio titolare, nonchè "tutore"? Grazie mille, spero solo di fare la scelta giusta! E grazie per la risposta diretta...ogni tanto pensavo di lamentarmi troppo, visto i tempi che corrono... (di lavoro ce n'è poco, e perciò il poco che hai è meglio tenerlo)...però, se ho un minimo di possibilità in più, non mi va di farmi fregare...Grazie ancora! Saluti!

ElisaP

8 anni, 8 mesi fa

Cara Silly,

Non devi assolutamente sentirti in colpa! Ti capisco, sei ancora molto giovane e sicuramente avrai dato il massimo per questa esperienza ma devi capire una cosa: qui a comportarsi in modo scorretto è stato il tuo capo!

In buona o cattiva fede non importa ma non ci si comporta così!
1) hai lavorato almeno 3 mesi in nero: lui è il responsabile!
2) non si tratta di uno stage se non hai un tutor che ti segue e che è sempre a disposizione per rispondere a dubbi o insegnarti cose.

Ormai è andata, prendila come esperienza, ma soprattutto cerca di non sentirti in colpa, perché tu non c'entri niente.

Se ti posso dare un consiglio ti dico di far tesoro di questa esperienza per il futuro.

La prossima volta esigi (non bisogna essere maleducati per esigere, ma basta essere consapevoli dei propri diritti) di firmare il contratto (lavoro o stage) PRIMA di iniziare a lavorare. Anche per una questione di assicurazione! Controlla bene tutto e per tutti i dubbi chiedi sempre PRIMA! Puoi anche prenderti un giorno o due per rifletterci, chiedere ai tuoi, a qualche amico più grande o anche ad un forum come questo. Vedrai che qualcuno che ti saprà consigliare lo trovi.

Non ti preoccupare non è la fine del mondo. Puoi accettare l'offerta del centro commerciale (ma anche qui, leggi bene il contratto!) e intanto continuare a guardarti intorno per cercare offerte più interessanti, ma mi raccomando non rimanere in un posto di lavoro solo perché ti senti in colpa a lasciarlo.

Scusa, spero di non esserti sembrata troppo maestrina, ma mi dispiace davvero leggere che ti fai tutti sti scrupoli per una persona che non si è comportata bene con te!

Facci sapere!!

Silly

8 anni, 8 mesi fa

Grazie davvero di cuore a tutti! Siete gentilissimi!
Dunque, già dall'inizio c'erano molte cose che non tornavano...dato che sono rimasta da sola praticamente dal secondo giorno (ho anche le chiavi e dovrò riportarle...!)...il titolare e il dipendente che sono lì lavorano per lo più in un'altra città. Il 1° settembre mi è stato detto che avremmo fatto un contratto di apprendistato, dopo un po' mi ha detto uno stage di 2 mesi con stipendio di 400-600 € in base a come mi impegnavo (e mi sembra che l'impegno ci sia stato!)...Teoricamente avrei dovuto fare dalle 9:00 alle 17:00, ma neanche il primo giorno è stato così...Andavo sempre alle 8:00, mezz'ora di pausa perchè non potevo permettermi di uscire a pranzo e mangiavo panini congelati...e anche un'ora da sola in ufficio, una volta che hai mangiato, che fai? e spesso stavo lì fino alle 18:30, 19:00, 19:30 anche 20:00...dipendeva da come serviva...e anche il Sabato andavo se necessario...Non nego che 2 volte mi ha offerto il pranzo e la colazione e che mi ha fatto il cesto a Natale (e per questo mi sento un po' cattiva ad andar via...ho un casino di sensi di colpa!)e che mi ha sempre chiesto se ero disposta a fare il Sabato quando occorreva...però ripeto che ero quasi sempre lì da sola, e mi stra impegnavo per portare a termine il lavoro inziato, perchè ci tengo molto alle cose che faccio e speravo ci potesse essere qualcosa in più come rimborso (è stato di 400€ per i primi 3 mesi)...Agli inizi di Dicembre andiamo al centro di collocamento e firmo per lo stage, che parte da quel giorno (ho fatto 3 mesi per niente!...Che scema mi sono detta!), fino agli inizi di Giugno, con rimborso spese di 400€ mensili e orario dalle 8:30 12:30 - 14:30 18:30 (mai fatto, perchè serviva sempre di più!)...Tutto scritto, quindi spero il rimborso per il mese di Dicembre ci sia...A quel punto mi sento leggermente presa in giro, ok che il titolare è sempre stra impegnato e non poteva andare prima al centro di collocamento...però non è uno stage stare sempre da soli e non imparare nulla...A me francamente dispiace, perchè al titolare di questi problemi non ho mai parlato, anche perchè riesco poco a comunicare con lui, e solo via mail, perchè è sempre via...Fatico addirittura a chiedergli le cose di lavoro! L'unica cosa è che anche il dipendente mi ha detto di andarmene, perchè ci perdo troppo a stare lì...ed effettivamente ha ragione...Spero solo che il lavoro come commessa vada bene, perchè non riuscirei a stare senza un'occupazione e ci tengo a questo nuovo impiego...E in ogni caso, le promesse che mi erano state fatte all'inizio non sono state mantenute; dov'è la persona che mi segue e che mi insegna? Dov'è la possibilità di crescita? E poi, dopo Giugno, che sarà? Ho già un casino di sensi di colpa, perchè mi dirà che mi sono comportata male, che manderò nei casini l'azienda, perchè volevano una persona che stesse lì e non hanno il tempo per cercarne un'altra...e poi molte cose le gestivo io e non so come faranno senza di me (sono stata a casa un giorno ammalata e mi ha detto che non potevo stare a casa più di tanto perchè serviva sempre qualcuno che stesse in ufficio, dato che loro sono sempre via)...e per questo mi dispiace molto..però penso che se si fa uno stage, lo stagista non è indispensabile per l'azienda, se no si farebbe un contratto, o sbaglio? Penso abbia fatto lo stage solo perchè poteva manipolarmi come voleva, sia come disponibilità, che come compenso...A questo punto, valutando tutti gli aspetti...penso sia così... Scusate lo sfogo, ma avevo bisogno di qualcuno che conoscesse la situazione di noi stagisti da vicino...Vi ringrazio tutti, di cuore! Mi fa veramente piacere ricevere le vostre risposte! Grazie!

Eleonora Voltolina

8 anni, 8 mesi fa

Cara Silly,

ti confermiamo che per interrompere uno stage non c'è bisogno di dare preavviso. Basta comunicare, meglio se per iscritto, la volontà di terminare anticipatamente sia al soggetto ospitante (nel tuo caso la ditta di costruzioni) sia al soggetto promotore. Una email andrà benissimo.

Ti consigliamo anche di dare un'occhiata a quest'altra discussione del nostro Forum: http://www.repubblicadeglistagisti.it/forum/thread/694/ in cui il lettore Davide poneva la tua stessa domanda.

Per quanto riguarda il rimborso spese per l'ultimo mese in cui hai prestato servizio (quando dici che hai fatto 177 ore, per intenderci), purtroppo è vero che rischi di perdere i 400 euro. Non capita di rado infatti che le aziende in queste circostanze facciano le "furbe". Poi dipende molto da due fattori, uno ufficiale e uno più personale:

1) se il rimborso spese è segnalato all'interno della convenzione di stage, risulterebbe più difficile per il datore di lavoro negarti il compenso per l'ultimo mese

2) a seconda del tipo di rapporto che hai con il titolare, sarà più o meno facile per te "convincerlo" a comportarsi correttamente e a darti quel che ti spetta.

In linea generale, rispetto alla tua storia ci sono molti aspetti che mi lasciano perplessa: perchè lo stage inizialmente sarebbe dovuto durare 2 mesi, e poi al momento della firma della convenzione la durata è addirittura triplicata?

Non ho poi capito la tempistica: come mai hai cominciato a settembre 2010, se era previsto che lo stage cominciasse a dicembre e durasse fino a giugno del 2011?

E infine: perchè a fronte di un accordo (immagino segnalato nella convenzione di stage) che prevedeva 160 ore al mese, cioè 40 ore alla settimana, cioè 8 ore al giorno, il che mi pare già un tempo pieno abbondante, ti sei ritrovata a fare 200 ore al mese cioè addirittura 10 ore al giorno?

Per uno stage ci pare francamente eccessivo!

Facci avere tue notizie e in bocca al lupo per la prossima avventura,

Eleonora Voltolina

sarpe

8 anni, 8 mesi fa

Se è un tirocinio di orientamento e formazione siglato con i centri per l'impiego non è necessario alcun preavviso, puoi telefonare al titolare e dirgli che non vai più perchè hai trovato un' opportunità migliore, non è necessaria una dimissione per iscritto, perchè questo tipo di tirocini non costituiscono rapporto di lavoro e perciò si possono interrompere in qualsiasi momento da entrambe le parti. Io avevo firmato questa convenzione, ho lasciato perdere e non mi ha recriminato nulla nessuno. Speriamo bene per entrambe e in bocca al lupo! Ti auguro che questo nuovo lavoro sia meglio almeno dal punto di vista remunerativo!

Silly

8 anni, 8 mesi fa

Grazie per la risposta!! Gentilissima!
Bè, martedì inizio e vedo come va e cosa mi offrono come contratto, poi se tutto va bene(come spererei) avviso il itolare che non vado più (l'altro giorno mi ha detto se volevo stare a casa qualche giorno, e ho preso al volo l'occasione)...Infatti io vorrei andar via, ma non voglio lasciare il poco, per il niente! Ho un po' di sensi di colpa, perchè mi preoccupo sempre per ogni cosa...e non mi piace prendere le persone "per i fondelli". Però la situazione stava diventando un po' insostenibile...Come prima esperienza lavorativa, senza punti di riferimento non è il massimo! Anche il dipendente che lavora lì, mi ha detto di andarmene perchè non posso pensare di crescere o di diventare indipendente economicamente lavorando lì...E per lo più mi ha riferito che si vergonava per il rimborso spese che mi danno in proporzione alle ore e alla disponibilità che do...E le sue parole mi han fatto parecchio pensare...! La ringrazio ancora, davvero gentilissima! Le faccio un grosso in bocca al lupo!
Ps ma se tutto va bene, come spero, devo fare una comunicazione scritta per cessare lo stage, o basta che contatti il titolare via mail o telefonicamente? E non c'è preavviso, giusto? Grazie!

sarpe

8 anni, 8 mesi fa

Vengo da un'esperienza simile, io ho lasciato perdere ma ora un pò sono pentita perchè almeno 400 euro erano sicuri in tasca, ora sono nuovamente in attesa che mi chiamano per un altro lavoro, e avrò risposta probabilmente dopo la befana. Certo i soldi fanno gola, forse con una paga più alta andrei via pure io, devi cercare di capire bene cosa possono offrirti al centro commerciale, devi essere certa sia del contratto che della paga prima di fare scelte avventate. Se la cosa è certa allora può andare via perchè se lo stage è formativo si può interrompere in qualsiasi momento.

Torna al più nuovo