Ordina per...

Autenticati per poter ricevere gli aggiornamenti

Cerca nel Forum

500 euro al mese, no grazie: ministro Brunetta, i giovani italiani vogliono opportunità non carità

9 anni, 7 mesi fa di Eleonora Voltolina

Link all'articolo originale: 500 euro al mese, no grazie: ministro Brunetta, i giovani italiani vogliono opportunità non carità Ministro Brunetta, per favore, lasciamo perdere la carità. Per uscire di casa, diventare indipendenti, costruirsi la propria casa e la propria famiglia, ai ragazzi italiani 500 euro al mese non servono a niente - se non a prosciugare le già vuote casse dello Stato. Per offrire un futuro ai suoi giovani l'Italia ha bisogno di un'iniezione di meritocrazia, di trasparenza, di ammortizzatori sociali, di politiche salariali. Il problema non sono i 500 euro al mese. Il problema sono le imprese ...

silvy

9 anni, 6 mesi fa

si si 500 euro se tutto va bene....fino ad ora se mi dicono che lo stage è retribuito è perchè mi va di lusso. la maggioranza delle imprese non da neanche quel minimo, è una vergogna.

Eleonora Voltolina

9 anni, 7 mesi fa

Cara Fagiolo, che bello avere una mamma qui sul sito! :-)

Se ti va, suggerisci a tuo figlio di contattarci, via email o direttamente attraverso questo Forum: ci piacerebbe raccogliere la sua testimonianza, e magari inserirla nella nostra sezione "Storie di stage" attraverso cui cerchiamo di raccontare la realtà dei giovani a partire proprio dalla loro voce e dalle loro esperienze di vita vissuta!

Un abbraccio e in bocca al lupo a te e a tuo figlio,

Eleonora

fagiolo

9 anni, 7 mesi fa

Sono perfettamente d'accordo. Aiutateli a trovare un lavoro, non l'elemosina. Sono una mamma che e' cosstretta a mantenere un figlio 30enne, laureato, con un master e che e' anche stato per un anno negli States e parla perfettamente inglese. Sfruttato negli stage a 250 euro per 10 ore di lavoro compresi i sabati e le domeniche. Cerca, si sbatte e si deprime. A ogni risposta di annuncio di lavoro, mi si dice che arrivano migliaia di curriculum. E chi deve scegliere pesca i primi a caso. Sono tutti uguali i nostri ragazzi. E quale futuro ci attende?

Torna al più nuovo