BERLINO, LA VIRGOLA ED I COLORI

9 anni, 9 mesi fa di ChiaraB84

Centocinquanta giorni di degna esperienza. Berlino mi ha accolta a braccia aperte, col sorriso e tanto sole fin dal primo giorno.
La difficoltà iniziale per inserirmi e trovare uno spazio nella preparazione del Festival Internazionale di Letteratura è stata in ogni caso costruttiva: unica tirocinante straniera, nel programma in cui lavoravo, ho dovuto aspettare 10 giorni per conquistarmi uno sguardo ed un saluto dagli altri colleghi tedeschi, nel momento in cui entravo in ufficio.. ma ammetto che dopo il gelo iniziale, l’amicizia che si crea con Loro è più limpida, spontanea e forte.
Lavorando nel programma di letteratura internazionale per bambini e ragazzi, mi sono immersa in mondi che avevo lasciato parecchi anni fa. Ho esplorato, con lo sguardo, con i ricordi ed i libri, realtà, tradizioni, culture, lingue diverse: ore passate davanti ad un computer ed un bicchiere di the – consuetudine lavorativa tedesca! -; telefonate agitate e balbettate con traduttori, scrittori da tutto il mondo ed attori tedeschi famosi; atmosfera stimolante, ricca, solidale con un team affiatato di tirocinanti (ragazzi dai 18 ai 29 anni).
Un iter difficile, con momenti di scoraggiamento, paura ed incomprensione come tutti i cammini della vita e delle belle esperienze: difficoltà di capirsi in lingue e culture differenti, lo stress e le grandi responsabilità che mi hanno messa alla prova e alla fine temprata.
Arrivato settembre, il Grande Evento e la dimostrazione del nostro impegno: il Festival Internazionale di Letteratura! Dodici giorni con gli occhi aperti ed i cinque sensi attenti ad assorbire tutto: letture, incontri, concerti, workshops, feste con autori da tutto il mondo. Focus del 2008 è stato l’Africa: uno spettacolo quotidiano di colori, musiche e personaggi. Bambini emozionati; libri di tutte le forme; code interminabili di classi e la fatica di organizzarle per gli incontri con gli autori; gli autografi; ore passate con gli scrittori; gli scambi di culture e la curiosità di viverle anche solo per qualche ora; la mia lingua italiana tra melodia e sorrisi; l’onore e l’emozione di stringere la mano a personaggi celebri (cfr. Dacia Maraini, Mario Calabresi, Wolf Erlbruch, uno degli illustratori più famosi nel mondo, Beatrice Masini e tantissimi altri); per non dimenticare le 18 ore su 24 in teatro…
Ottimi compagni in questo viaggio sono stati la collaborazione, nuovi amici importanti, tantissime soddisfazioni e fortuna anche nell’ambito lavorativo: ambiente giovane, organizzazione precisa, funzionale ed efficiente!
Centocinquanta giorni di una Berlino magnifica, sempre stimolante, accesa, giovane, creativa, poliedrica, tollerante, ecologica, in bicicletta, piena di storia e culture. Le ho lasciato una parte di me.
Splendida città, valida esperienza umana e professionale.
Non dimentico e ringrazio tutti coloro che mi hanno permesso di vivere al meglio questo cammino berlinese: anche e soprattutto senza loro, ora sarei meno ...“colorata”!

Chiara Baldin

Torna al più nuovo