Ordina per...

Autenticati per poter ricevere gli aggiornamenti

Cerca nel Forum

Laurea specialistica a 27 anni: continuare o lasciare subito?

2 anni, 1 mese fa di SimonSays92

Salve, vorrei chiedere un consiglio. Studio Economia a Roma e per vari motivi (psicologici, non sono certo uno che se ne frega, anche se di questo, giustamente, alle aziende non importa nulla) e forse, non lo so, poca motivazione, ho iniziato l'università a 19 anni e preso la triennale solamente ad Aprile 2016, a 24 anni, perdendo quindi due anni di specialistica (primo anno fuori corso, secondo anno perso solo per tesi e laurea). Ho iniziato la specialistica lo scorso anno, ma causa errore nella scelta del curriculum (ne ho scelto uno molto difficile (chiaramente con una maggiore spendibilità dell'altro curriculum che avrei potuto scegliere) e non sono convinto di continuare; lo cambierei e mi verrebbero riconosciuti gli esami fatti finora, che sono 6 su 13 totali, in quanto si tratta dello stesso corso di laurea), penso che non riuscirò a finire a 26 anni ma solo a 27, se tutto va bene. Ora, la mia sarebbe anche una laurea spendibile sul mondo del lavoro a 25 anni, penso però che finire a 27 anni potrebbe significare solamente perdere altro tempo (non ho esperienze lavorative). Quindi vorrei chiedere: secondo voi mi conviene continuare e finire comunque la specialistica oppure mi conviene mollare subito?

SimonSays92

1 mese, 3 settimane fa

Ciao ragazzi, rieccomi qui, esattamente due anni dopo l'apertura di questa discussione. Alla fine, decisi di continuare. Tuttavia, è purtroppo andata a finire esattamente come previsto. Ho appena conseguito una laurea magistrale in Economia (Specializzazione Intermediari Finanziari), ho appena compiuto 27 anni e nel frattempo non sono riuscito ad avere nessuna esperienza lavorativa. L'unica cosa che sono riuscito a salvare (per quanto poco valga) è il voto (110). Mi scuso di non aver più risposto a chi lo aveva fatto due anni fa, ma tra preparazione degli esami e nuovo inizio dei corsi, mi è passato totalmente di mente.

Ora vorrei chiedere un consiglio: per un neolaureato in Economia , come essere efficaci nella ricerca di uno stage? Quali strumenti utilizzare? 
Non ho particolari interessi da un punto di vista lavorativo, voglio solo qualcosa che mi permetta finalmente di iniziare a fare esperienza. Mi consigliate di provare a candidarmi per qualsiasi posizione richieda una laurea specialistica in Economia oppure secondo voi la mia specializzazione è limitante e sarebbe più indicato cercare uno stage solo in ambito bancario/finanziario? Il punto è che, a 27 anni, vorrei fare tutto il possibile per uscire dalla situazione di totale mancanza di esperienza nella quale mi trovo.

Redazione_RdS

1 anno, 10 mesi fa

Ciao SimonSays92,
ti rispondiamo con molto ritardo e magari a quest'ora tu avrai già fatto la tua scelta. Ad ogni modo approfittiamo per esprimere il nostro punto di vista sulla questione. E' vero che i selezionatori in linea generale preferiscono candidati più giovani, ma non per questo ha senso interrompere repentinamente un percorso di studi solo perché si è in ritardo. Sarebbe certamente un errore perché non c'è nulla di più pericoloso che accumulare progetti spezzettati, senza mai concentrarsi su uno. Se hai deciso di cambiare indirizzo, fallo, e cerca di tenere i tempi. Ma l'importante è che tu ti concentri sulle materie che stai studiando e che magari inizi a indagare su qualche azienda che potrebbe prenderti una volta finiti gli studi.
Torna a scriverci per farci sapere cosa hai deciso, e un caro saluto
In risposta a #post24224

Bjork92

1 anno, 10 mesi fa

Ehi Simon, anche se ho paura che tu ormai abbia deciso di abbandonare, penso che non dovresti farlo. Continua la magistrale. Non farti prendere dalla negatività! Possono riconoscerti gli esami se fai il passaggio di facoltà? Hai detto di sì, quindi se non ti senti convinto e soprattutto se non ti senti felice cambia indirizzo, ma non mollarla. Una semplice triennale in economia vale molto meno di una laurea triennale+magistrale e potresti avere molte più possibilità di impiego, anche con un ulteriore ritardo. Ti é stato consigliato di trovare un lavoro, magari part time, per ampliare il CV ma non credo sia una buona idea se hai difficoltà. 

Cambiare indirizzo é azzardato, ma se ti fa stare meglio valuta e cerca di ridurre al massimo i tempi, senza impazzire o fare schifezze con la media. Ovviamentele rifrequentare un semestre intero e intanto darti da fare con gli altri esami é tosto ma puoi farcela. Non fare l'errore di distruggerti psicologicamente perché le cose non sono andate come avresti voluto, perché spesso non possiamo avere il controllo totale su cose come il risultato di un esame, il nostro stato emotivo o la difficoltà nello studiare. Hai comunque preso la laurea triennale in tempi non troppo lunghi (1-2-3 anni di ritardo in Italia non sono molti, soprattutto quando il 3+2 ha allungato i tempi) e anche se comunque messo del tempo in più non puoi cambiare il passato. Puoi solo andare avanti e ragionare su come migliorare il tuo futuro. 
La specialistica, se presa a tamburo battente o almeno il più in fretta possibile, ti permette di accedere a lavori a cui non potresti aspirare con la sola triennale e data la situazione attuale, in un mercato molto competitivo, ti darebbe un vantaggio non da sottovalutare. La maggior parte delle aziende chiede almeno la magistrale.
Non é qualche anno in più a rovinarti la carriera: un'amica di mia sorella, nata nel 1990, ha preso la triennale in 4 anni e mezzo, la specialistica in 2 e mezzo, mettendoci in totale 7 anni a fare l'università e ora lavora da Be Think spa. Ovviamente lei aveva una serie di plus notevoli (un Erasmus, 105 finale e ha fatto la Cattolica) ma era comunque una ragazza di 26-27 anni alla sua prima esperienza di vero lavoro. Con una gran botta di fortuna potrebbe addirittura capitarti qualcosa del genere.
Fai solo attenzione a non superare i 27-28 se decidi di continuare! In bocca al lupo e non buttarti giù!!!

fran00

1 anno, 11 mesi fa

Fossi in te finirei comunque la specialistica (anche per non sprecare gli esami che già hai dato) e al tempo stesso mi cercherei un lavoretto part-time per arrotondare e aggiungere un'esperienza lavorativa sul cv. 

SimonSays92

2 anni fa

In risposta a #24224
Si, laurearsi a 26 anni sarebbe stato l'ideale, ma allo stato attuale delle cose è del tutto impossibile. Purtroppo anche la laurea a 27 anni è tutto tranne che certa. Non mi illudo di nulla, per questo chiedevo se ne valesse comunque la pena, ma mi pare di capire, da questa e altre risposte che no, non ne vale la pena. A questo punto sto prendendo in seria considerazione la possibilità di lasciare. Errori di questo tipo si pagano cari, purtroppo. 

SimonSays92

2 anni fa

Si, laurearsi a 26 anni sarebbe stato l'ideale, ma allo stato attuale delle cose è del tutto impossibile. Purtroppo anche la laurea a 27 anni è tutto tranne che certa. Non mi illudo di nulla, per questo chiedevo se ne valesse comunque la pena, ma mi pare di capire, da questa e altre risposte che no, non ne vale la pena. A questo punto sto prendendo in seria considerazione la possibilità di lasciare. Errori di questo tipo si pagano cari, purtroppo. 

Bjork92

2 anni, 1 mese fa

ciao simonsays! vedo che siamo coetanei anche se io ho fatto altre scelte meno intelligenti (laurea umanistica= sto per finire la specialistica e sarò precaria o disoccupata).

guarda, non penso che due anni di fuoricorso siano un problema. economia è una facoltà inflazionata, dicono, ma è una delle poche che possa garantire ancora qualcosa oltre la giostra degli stage.
secondo me dovresti finire quello che hai iniziato, se non lo trovi troppo al di fuori della tua portata per quanto riguarda mole di studio ecc. 
finire a 26 anni sarebbe l'ideale, dato che 27 rappresenta proprio l'età limite per entrare nel mondo del lavoro (per via delle leggi sugli stage ecc) ma va comunque bene. non vorrei illudere nessuno e sì, molte aziende (tipo le top della consulenza o simili) spesso discriminano in base all'età, ma rimanere solo con la triennale ti impedirebbe di avanzare in un futuro lavoro e cambiare e ritardare ulteriormente è molto rischioso (gli unici 28nni senza esperienza che vedo venire assunti sono spesso ingegneri)
il mio consiglio è dunque quello di continuare. purtroppo l'età è un fattore molto rilevante in questo momento storico
posso chiederti quali sono i due profili e quale hai scelto?

Torna al più nuovo