Ordina per...

Autenticati per poter ricevere gli aggiornamenti

Cerca nel Forum

Vittima della manovra mentre era in corso lo stage

8 anni, 10 mesi fa di Chiara_85

Salve, mi chiamo Chiara e da sei mesi sto facendo uno stage in un'azienda a Napoli. Mi sono laureata in Scienze Politiche nel 2009 e nel marzo scorso, dopo un colloquio, mi hanno presa per uno stage di sei mesi in HR. Agli inizi di settembre, il capo del personale mi ha comunicato l'intenzione di rinnovarmelo per altri sei mesi. All'atto del contratto però mi hanno comunicato le nuove regole stabilite dalla manovra. Come devo comportarmi? Ho letto che le disposizioni in merito potrebbero cambiare da regione a regione. Come si è esposta, a tal riguardo, la Regione Campania? Grazie

Chiara_85

8 anni, 9 mesi fa

Gent.le redazione, volevo un aiuto. Dalla risposta che avete dato alla mia domanda ho capito che per continuare a fare stage dovrei farmi inquadrare come inoccupato o disoccupato, ma questo non mi aiuta a prorogare il mio stage nell'attuale azienda di altri sei mesi, giusto? O in virtù del "retrofront" farmi inquadrare in questa categoria mi darebbe una possibilità? Inoltre, iscrivermi a questo centro per l'impiego mi permetterebbe di fare altri stage nonostante siano passati dodici mesi dalla laurea? Grazie. Attendo fiduciosa una risposta.

sallie

8 anni, 10 mesi fa

Ciao, mi accodo alla discussione già aperta da Chiara perché mi trovo in una situazione più o meno simile alla sua e spero che la redazione possa dare anche a me un parere.
Laureata nel novembre 2010, inizio ad aprile uno stage di 6 mesi in azienda. A pochi giorni dalla scadenza, l'intenzione del capo del personale sarebbe di rinnovarmi lo stage (ovviamente) per altri 6 mesi, ma non sa se la cosa si può fare vista la manovra.
Nella mia situazione specifica, sarebbe possibile un rinnovo? I 12 mesi scadono a novembre, quindi se il tirocinio fosse rinnovato entro ottobre sarebbe regolare? Oppure sarebbe da considerare extracurricolare e quindi in ogni caso non prorogabile (da quanto ho capito la proroga corrisponde in sostanza a una nuova attivazione)?
Ho intenzione di sentire in questi giorni il mio ufficio tirocini, ma dubito che abbiano le idee particolarmente chiare. La normativa della Regione Lazio non l'ho nemmeno guardata, visto che probabilmente, come dite voi, non fa fede. Vorrei capire quindi come muovermi, anche perché ci sono stati un po' di stravolgimenti nel reparto in cui sono inserita, e proseguire in stage per altri sei mesi significherebbe veramente farmi lavorare praticamente gratis al posto di un dipendente "regolare" o con altro contratto.
Grazie per l'attenzione e per l'importante ruolo informativo che svolgete.

Chiara_85

8 anni, 10 mesi fa

Grazie per i tanti consigli, ma credo che sia inutile parlare con il capo del personale, se avessero voluto inquadrarmi con un altro contratto lo avrebbero già fatto ( nonostante nei sei mesi di stage ho ricevuto molti elogi per il mio lavoro). Vi aggiornerò comunque. Grazie ancora...

Redazione_RdS

8 anni, 10 mesi fa

Cara Chiara

la competenza regionale in questo caso è una cosa al momento piuttosto teorica. Sulla carta è vero che le Regioni hanno competenza in materia di formazione, ma nella pratica tutti si devono adeguare a quel che ha prescritto la legge e alle disposizioni della circolare. Se poi, in futuro, qualche regione - magari anche la Campania - deciderà di legiferare in materia, potrà certamente farlo: ma allo stato attuale e fino a prova contraria fa fede la legge.

Dalla circolare emerge chiaramente che per una persona come te, laureata da oltre 12 mesi, non vi è possibilità di fare stage. Quello che hai fatto da marzo ad agosto nessuno te lo potrà togliere, perchè era perfettamente conforme alla vecchia normativa; sussiste però l'impossibilità di prorogare lo stage, come il capo del personale ti ha proposto.

Nel dettaglio, per continuare a fare stage dovresti recarti presso il centro per l'impiego della tua provincia e lì registrarti come "inoccupata" (se a parte gli stage non hai mai avuto contratti di lavoro) o "disoccupata" (se ti è capitato in passato di avere un contratto di lavoro, che però magari era temporaneo e non è stato rinnovato).

In ogni caso, riteniamo che anche percorrendo questa strada il centro per l'impiego avrebbe molta difficoltà ad avallare la proroga (anche facendola figurare come tirocinio "ex novo" di inserimento lavorativo), in quanto tu in quella stessa azienda hai già svolto ben 6 mesi di stage. E il limite inderogabile di durata dei tirocini extra curriculari è appunto di 6 mesi.

Il tuo intervento però è una buona occasione per parlare ancora una volta del ruolo che ciascun giovane ha all'interno del mercato del lavoro, e della consapevolezza (e fiducia) nelle proprie capacità.

Tu racconti di esserti laureata ormai due anni fa, di aver fatto ben 6 mesi di stage (un periodo davvero lunghissimo) in un'azienda. Perchè mai il direttore del personale ti dovrebbe a questo punto proporre... una proroga? Perchè non proporti invece un vero contratto di lavoro?

La nostra posizione, come sai se conosci la Repubblica degli Stagisti, è che più o meno ogni mestiere sia "imparabile" in un periodo di 3-6 mesi. Specialmente da parte di persone con istruzione universitaria. E che quindi uno stage di 6 mesi sia ampiamente sufficiente a un'impresa per insegnare una determinata mansione e anche capire se un giovane ha le carte in regola per svolgere quel mestiere o no.

Scaduti i sei mesi, nel 99% dei casi proporre una proroga di altri 6 non ha affatto una motivazione formativa. Ha invece una motivazione di risparmio: proseguendo con lo stage l'azienda si assicura un altro lungo periodo (altri sei mesi!) in cui potrà godere delle prestazioni dello stagista senza essere costretta a contrattualizzarlo e dunque a corrispondergli una giusta retribuzione, i contributi e tutte le altre tutele che un contratto di lavoro prevede (quando invece lo stage non è un contratto).

Il nostro consiglio in casi simili, e a maggior ragione nel tuo caso, è di parlare con franchezza al direttore del personale. Se non stimasse il tuo lavoro non ti avrebbe proposto nemmeno la proroga, quindi un indizio della loro inclinazione a proseguire il rapporto con te c'è. A questo punto sta a te rilanciare, spiegandogli che per effetto della nuova normativa la proposta della proroga dello stage è impraticabile, e proponendogli di inquadrarti con un contratto di apprendistato.

Facci avere tue notizie Chiara!

Torna al più nuovo