Ordina per...

Devi effettuare il login per crere una discussione

Cerca nel Forum

Laurea magistrale: serve davvero?

Condivido la mia esperienza e il mio punto di vista. Faccio prima una breve presentazione, giusto per contestualizzare i dati personali che ti riporto. Siciliano, laurea triennale e magistrale conseguiti con 8 mesi complessivi di ritardo (all'età di 25 anni) in scienze economico-aziendali (classi di laurea rispettivamente L-18 ed LM-77, per intenderci). Non ho dovuto superare nessuna prova di laboratorio o tirocinio obbligatorio per completare il corso di studi magistrale biennale, ma semplicemente si è trattato - come dici tu - di altri due anni di studio pressoché simili ai tre precedenti (lezioni frontali, molti più lavori di gruppo, esami scritti e/o orali). Reddito della famiglia inferiore ai 15.000 lordi annuali (poco più di mille euro al mese). Non ho mai avuto bisogno di lavorare perché lo Stato italiano mi ha finanziato l'ottanta per cento degli studi scolastici e universitari grazie alle borse di studio (ovviamente mi sono impegnato per ottenerle). Padre operaio, madre casalinga e fratello mio coetaneo anche lui laureato triennale e magistrale in scienze agrarie.Veniamo a noi. A 7 mesi dal conseguimento della laurea magistrale ti dico che a oggi sulla mia pelle i due anni di laurea magistrale mi sono serviti meramente per accumulare abbastanza denaro (risparmiato dalle borse di studio degli anni accademici precedenti) in funzione della partecipazione all'Erasmus plus (fratello minore dell'Erasmus classico ma che ti permette di lavorare e non più studiare da neolaureato in uno dei paesi appartenenti all'Unione Europea, incluso qualche altro paese extra-UE). Dopodomani termino la mia esperienza semestrale di stage nell'area "Risorse Umane" di un'importante multinazionale straniera legata al settore dell'arredamento. Prima di questa esperienza di stage, su dieci ipotetici curriculum inviati ho ricevuto sei risposte positive (in Italia e all'estero). Se volessimo fare un sunto, allora quei due anni di studio mi sono serviti:1) A maturare la consapevolezza che non volevo continuare con la libera professione (e tu pensa che mi ero quasi convinto fino all'anno prima del conseguimento del titolo biennale). C'è chi, per esempio, nello stesso periodo di tempo matura l'idea opposta e cioè quella di voler svolgere la libera professione. In due anni di studio in più, a mio parere, acquisisci maggiore fiducia, quindi sicurezza su quello che vuoi e/o non vuoi continuare a fare dopo. Del resto è normale, hai più tempo per riflettere studiando al contempo quelle stesse materie che dovranno essere grosso modo il tuo pane quotidiano professionale. Gli studi triennali io personalmente li ho vissuti come una mera prosecuzione delle scuole superiori (come se le scuole superiori non si componessero di 5 anni ma di 5+3). Terminati i (+) 3 anni non avevo assolutamente chiaro nulla né di me né del mio futuro né di che cosa volessi o mi piacesse fare o non fare. Andavo avanti senza analizzare a fondo me stesso.2) A definire meglio quello che avrei voluto fare subito dopo (partecipare al bando Erasmus plus). Non solo, ma ad acquisire - di nuovo - coraggio nell'idea che lavorare all'estero non fosse un'utopia.3) A costruirmi un curriculum tutto sommato non male (tu pensa che con NESSUNA esperienza di lavoro alle spalle, ma con un Erasmus e delle piccolissime esperienze di volontariato ho avuto un 60-70% di riscontro positivo a tutti i colloqui a cui ho partecipato e ho anche avuto la possibilità di scegliere l'azienda in cui lavorare) che a un anno quasi dalla laurea non mi ha consentito di avere il contratto a tempo indeterminato - non sono del resto interessato a firmarlo in questo momento - ma di sicuro non posso neanche dire di avere avuto difficoltà a trovare aziende che mi facessero lavorare.Ora il punto è: avrei fatto quello che ho fatto senza quei due anni in più? La risposta è chiaramente no, semplicemente perché non avrei potuto soddisfare i tre punti precedenti.Se poi la tua domanda è: a prescindere dal tuo percorso di crescita, quanto ti è servita la laurea magistrale per fare quello che fai adesso? Ti dico già che una domanda del genere non può avere senso, perché il tempo speso per arrivare all'esame di laurea mi ha dato l'opportunità di riflettere di più su me stesso e su quello che volessi fare, nel senso che mi ha consentito di tirare fuori il meglio di me stesso, di prendere consapevolezza delle mie capacità, delle potenzialità e dei limiti e infondermi una "strana" sensazione di sicurezza. Senza quei due anni non avrei potuto maturare questo punto di vista che poi, secondo me, è al di sopra di ogni cosa, perché mette te stesso al centro della tua vita. Capire chi sei veramente viene prima di capire che lavoro farai.Figurati nell'azienda in cui lavoro io guardano poco il tipo e il voto di laurea e preferiscono soffermarsi sulla motivazione del candidato, sul suo approccio ai problemi, sulla curiosità, sulla sua capacità di saper lavorare in squadra. Insomma si guardano tante cose, perché una persona non è fatta della laurea che consegue. Io sono del pensiero che affrontare gli studi serva prima di tutto a scoprire se stessi. Il lavoro non può che essere una conseguenza della tua natura. Tornassi indietro rifarei gli studi magistrali: costano molto meno di un master (se te lo meriti, è lo Stato a pagarti quasi tutte le spese) e rendono grosso modo tanto quanto. Il rapporto qualità/prezzo è nettamente superiore. Poi tutto dipende dall'approccio che hai e dallo spirito con cui affronti la quotidianità. Per lavorare (nel mondo) non serve necessariamente una laurea. Puoi anche inventartelo il lavoro. Il percorso di laurea è il miglior percorso di crescita personale su cui una persona possa investire il proprio tempo. Questo approccio (direi alla vita prima di tutto) mi ha consentito finora di non avere alcun problema in termini di lavoro. Spero di averti aiutato. Ciao e buona fortuna.

Ultimo Post: 2 giorni, 19 ore fa

Di: vinx91ct

Leggi tutto

Esperienze di stage consecutive

In risposta a #23852Allora faccio una serie di considerazioni che non è detto si applichino al tuo caso, ma è quello che ho capito di questo settore. Lavoro nel campo solo da un anno, mentre il mio compagno da più di dieci.Iniziamo con le buone notizie: il lavoro si trova, difficilmente, una volta entrato nel giro, starai a casa. Stai tranquillo.Il punto è che in questo settore QUASI tutte le grandi aziende si servono di consulenti, assunti da società (spesso anche attraverso prestanome) che fanno poco più di body rental. Ce ne sono a decine solo nel complesso dove lavoro io.Le grandi aziende hanno diversi accordi con queste aziende di consulenza, e stai pur certo che non si faranno mai uno sgarro a vicenda: se mai accenture ti assumerà, sarà perché ha trovato un accordo con la tua società, prima ancora che con te.Quello che ti consiglio è questo: fai esperienza, e dopo qualche mese inizia a guardarti intorno. Per ottenere di meglio (che sia un posto più vicino a casa, un miglior trattamento economico, un'esperienza maggiore..) dovrai puntare su altre società di consuelenza e magari far leva sulla tua, con una lettera d'intenzioni già pronta da parte dei nuovi offerenti, per migliorare la tua posizione.Per farti capire quanto è malato questo sistema: spesso, prima ancora di aver firmato con la socità di consulenza, ti mandano dal cliente a fare il colloquio. Solo dopo che ti hanno trovato un cliente ti assumono.Assurdo, eh?Di dove sei, se posso?

Ultimo Post: 3 giorni, 3 ore fa

Di: stagistaalleprimearmi

Leggi tutto

STAGE TEZENIS?

Ciao Janice, queste aziende non fanno parte del nostro circuito (questo: http://www.repubblicadeglistagisti.it/initiative/rdsnetwork/chiarostage/le-aziende-aderenti/), quindi non sappiamo dirti come funzionano gli stage in queste realtà. Anche se non possiamo fare a meno di farti presente le nostre perplessità di fronte ai tirocini nelle catene di abbigliamento, di cui ci siamo occupati per esempio qui: http://www.repubblicadeglistagisti.it/article/stagisti-da-zara. Il punto è: c'è davvero bisogno di fare sei mesi di stage per imparare a fare la commessa? Non sarebbe più onesto fare da subito un contratto di lavoro con un normale periodo di prova? Detto questo, hai provato a cercare informazioni tra i gruppi di Facebook? Ce ne sono tantissimi e di ogni tipo e chissà che qualcuno non possa fare al caso tuo. Torna a scriverci com'è andata a finire e un caro saluto ps Tieni presente che lo stage si può interrompere in qualunque momento, e che se inizi in un negozio e poi ti chiamano dall'altro puoi andare.

Ultimo Post: 4 giorni, 7 ore fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Interruzione garanzia giovani

Ciao Asette, nulla vieta a uno stagista di interrompere uno stage prima del tempo pur in assenza di motivazioni o preavviso (anche se su questo ultimo punto le normative regionali possono prevedere varianti). E ciò perché è proprio nel dna di questo tipo di strumento lasciare la libertà - sia all'azienda che testa lo stagista sia allo stagista stesso - di interrompere anzitempo il rapporto se le cose non funzionano. Il tutto vale anche per Garanzia giovani. Possono esistere circostanze in cui la convenzione che hai firmato preveda ad esempio delle penali per i casi di interruzione anticipata (ti consigliamo quindi di andarti a leggere quanto sottoscritto), ma sono rarissimi. Dunque, nel momento in cui si concludesse il primo stage in Garanzia giovani, potresti cominciarne un altro subito dopo, sempre e quando sussistano tutti i requisiti di accesso al programma. Un caro saluto e torna a raccontarci se poi questo nuovo stage finalizzato all'assunzione è arrivato davvero!

Ultimo Post: 5 giorni, 3 ore fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

In vigore il 'Jobs act' del lavoro autonomo, una «rivoluzione culturale» ma con alcune criticità

Da qualche giorno i lavoratori autonomi italiani – circa 5 milioni – possono finalmente contare su una legge che regolamenta il loro settore. È il ddl sul lavoro autonomo e agile, approvato in Senato il 10 maggio con 158 sì, 9 no e 45 astenuti, dopo una gestazione di oltre un anno. «A breve uscirà anche in Gazzetta Ufficiale», conferma alla Repubblica degli Stagisti Andrea Dili, membro della rete di giovani, studenti e precari Alta Partecipazione, «perché ogni provvedimento può ...

Ultimo Post: 5 giorni, 3 ore fa

Di: Ilaria Mariotti

Leggi tutto

master in diritto delle nuove tecnologie

Ciao Milazuki, hai provato a cercare informazioni anche tramite Facebook? E' un consiglio che diamo sempre ai nostro lettori in cerca di master perché sono tantissimi i gruppi formati da ex allievi di corsi di ogni tipo. Ce ne è per esempio uno che si chiama 'Diritto delle Nuove Tecnologie UniBS', che supponiamo faccia al caso tuo. Ti potrebbe essere utile poi anche la nostra guida su come scegliere il master migliore, che trovi a questo link: http://repubblicadeglistagisti.it/article/postlaurea-i-consigli-di-asfor-su-come-scegliere-il-master-giusto. In bocca al lupo!

Ultimo Post: 1 settimana, 1 giorno fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Master Sole24ore Banking e Finance

Ciao fili, in attesa che qualcuno dei nostri lettori ti risponda, ti giriamo anche la nostra guida su come scegliere il master migliore. Il criterio è mettere al primo posto il tasso di placement, valutare cioè quale master possa garantire migliori dati occupazionali ai propri studenti: http://repubblicadeglistagisti.it/article/postlaurea-i-consigli-di-asfor-su-come-scegliere-il-master-giusto. In bocca al lupo!

Ultimo Post: 1 settimana, 1 giorno fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Dopo un contratto a tempo determinato dopo quando posso iniziare uno stage?

Sisi perfetto, grazie mille. Scusate se ho scritto due post ma pensavo che il primo non fosse stato pubblicato. Ancora grazie. In risposta a #23841

Ultimo Post: 1 settimana, 2 giorni fa

Di: matteogreen

Leggi tutto

COLLOQUIO SACE

Ciao masroz, puoi dare un'occhiata a questo nostro vecchio link in cui si parla proprio di colloqui e stage in Sace (che non fa parte del nostro network di aziende virtuose - questo: http://repubblicadeglistagisti.it/initiative/rdsnetwork/chiarostage/le-aziende-aderenti/ -, pertanto non possiamo darti informazioni precise): http://repubblicadeglistagisti.it/forum/thread/12159/#post19876. Prova anche a spulciare tra i gruppi di Facebook, magari ne esiste qualcuno su questo argomento. In bocca al lupo!

Ultimo Post: 1 settimana, 2 giorni fa

Di: Redazione_RdS

Leggi tutto

Stage: rimborso spese e straordinari

In risposta a #23825Grazie, comunque ho avuto modo di parlare con l'agenzia che mi ha assunta e mi ha spiegato che questa ripartizione è sbagliata. L'azienda non ha tolto soldi per le assenza per malattia, ma perché ho iniziato il 10/04 e andando a pagare il mese di aprile risultavano da retribuire i giorni dal 10/04 al 30/04.Il responsabile degli stage mi ha poi spiegato che lo stage deve durare minimo 2 mesi (quindi dal 10/04 al 10/06) in caso volessero farmi un contratto diverso (come mi era stato promesso) quindi in ogni caso sono 2 mesi e da progetto formativo dovranno versare l'importo pattuito (mi ha spiegato che se non lo faranno rischierebbero un controllo da parte di un loro ispettore, una multa e si giocherebbero la possibilità di futuri stage).Per quanto riguarda lo straordinario mi han detto che è proprio illegale!! 

Ultimo Post: 1 settimana, 3 giorni fa

Di: FedKir93

Leggi tutto