Ordina per...

Devi effettuare il login per crere una discussione

Cerca nel Forum

Centro per l'impiego di Frosinone: il posto «magico» dove uno stagista su due trova lavoro

Rispolverando il sempreverde Trilussa, se in media nella vita a ognuno spetta un pollo, ci sarà sempre il fortunato che se ne mangia due, e il poveraccio che resta a bocca asciutta... E così, parlando dell'attività dei centri per l'impiego, è interessante andare a scoprire come vanno le cose in uno di quelli che funzionano meglio - almeno per quanto riguarda la promozione di tirocini: quelli che portano alla media nazionale di assunzione dopo lo stage (26,5%) i famosi due ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Eleonora Voltolina

Leggi tutto

Stage attivati dai centri per l'impiego: ecco la radiografia annuale dell'Isfol

Un'interessante lente attraverso cui osservare il fenomeno stage in Italia è il monitoraggio che l'Isfol compie ogni anno sui tirocini attivati dai 539 centri per l'impiego (gli ex uffici di collocamento) sparsi sul territorio [nell'immagine, la copertina della pubblicazione che raccoglie i risultati del monitoraggio dal 1999 al 2005]Un primo dato interessante è che il numero degli stage è in continua crescita, come già rilevato anche da altre fonti (Almalaurea, Unioncamere Excelsior). Nel 1998/99 i tirocini promossi dai centri per ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Eleonora Voltolina

Leggi tutto

preavviso conclusione

Chiaramente gioca molto la correttezza personale. Grazei per l'info.

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: skyeyes1983

Leggi tutto

Universo stage, panoramica sugli enti promotori: il JobCaffè della Provincia di Milano

L'ambiente è colorato, allegro, sui toni del rosso e del giallo: eppure non siamo a Roma, core giallorosso, ma a Milano. Anche nel nome vuole scrollarsi dalle spalle quella sensazione di grigiore e monotonia che spesso caratterizza gli uffici di questo tipo: «JobCaffè» lo battezzò la giunta Colli, nel 2002, e ancora oggi si chiama così. Situato in corso di Porta Vittoria, in pieno centro (proprio di fronte al Tribunale, a due passi da piazza San Babila), è un ufficio ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Eleonora Voltolina

Leggi tutto

Un'azione concreta

Premetto che non sono uno stagista. Cito dalla Costituzione Italiana Art. 36: "Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa." Dopo aver letto questo vorrei sapere come mai sia possibile che esistano stage NON retribuiti. Mi sembra umiliante che dopo aver studiato per anni una persona non sia ritenuta idonea a svolgere un lavoro ed abbia bisogno di un ulteriore periodo di formazione presso un privato. Non mi dilungo oltre, anche se l'argomento richiederebbe fiumi di inchiostro. Detto questo, credo di non essere la sola persona in Italia che voglia una modifica al d.m. 142/1998 o che comunque non ritenga onesto il sistema di stage messo in piedi in questo paese; è incredibile che non vi siano state azioni concrete. Se pensate che la legge sia solo un modo per far lavorare gratis chi ha finito di studiare, fatevi sentire. Se avete idee su come cambiare le cose meglio.

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: sushijohn

Leggi tutto

Estate, gli stagisti sono di stagione

Scrive Claudia alla Repubblica degli Stagisti: «Quattro anni fa ho avuto un'esperienza tremenda di stage estivo presso un'agenzia interinale. Lo stage durava tre mesi. Ad agosto, malgrado fossi solo una stagista, sono rimasta da sola a tenere aperta una delle tante filiali del territorio». Il motivo è semplice: con l'arrivo dell'estate arrivano anche le ferie del personale. E sempre più spesso, dato che la legge è molto elastica in tema di stage, le imprese non fanno più contratti di sostituzione ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Eleonora Voltolina

Leggi tutto

Diritti degli stagisti, le lezioni dell'Europa

Ci sono Paesi in Europa dove a elaborare l’equivalente della “Carta dei diritti degli stagisti” ci pensa lo Stato, mettendo nero su bianco le condizioni per fare uno stage allo scopo di evitare gli abusi.Così, per esempio, la guida dell'Isfol sugli stage in Europa (scaricabile gratuitamente a questo link) descrive il caso del Portogallo: lo stagista ha un’età massima di 30 anni, deve essere alla ricerca del primo impiego e non aver svolto alcun tipo di attività professionale per un ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Fabrizio Patti

Leggi tutto

Una vita di stage

Ciao Eleonora, vedo che sei informatissima. E' vero infatti che il Comune organizzava stage pagati. Peccato però che poco prima di laurearmi avevo mandato il mio c.v. e mi è stato risposto di ricontattatarli una volta laureata, che gli stage ora sono bloccati per carenza di finanziamenti, che eventualmente li avrebbero attivati i singoli responsabili che li avrebbero richiesti. Così ho rimandato il mio c.v. una volta laureata ma per ora nessuna novità. Mi rendo conto che il 2009 è un anno nero per laurearsi (così come il 2008), con tutta la gente che perde il lavoro non posso certo "pretendere" un primo impiego/stage pagato. Ma la realtà è che anche in tempi normali nessuno interessa investire su qualcuno che deve imparare e che ha voglia, oltre che bisogno di imparare. Cioè, si investe ma solo a titolo gratuito. Ovvero non si investe :) Non si investe neanche tempo e pazienza, per ricollegarmi al discorso del desk+pc..la maggior parte degli uffici dove sono stata era super disorganizzata, il mio arrivo anche se previsto non è stato facilitato liberando scrivanie o mettendosi d'accordo con i colleghi. Questo costa tempo ed organizzazione! Perchè farlo per una semplice stagista universitaria. Spesso infatti questi uffici facevano parte di enti o aziende convenzionate all'università; nel caso degli enti pubblici, sono praticamente obbligati a fare questo tipo di attività, per questo non hanno nessuna voglia di occuparsene. Sì, ho cercato di far notare queste mancanze e a volte sono riuscita a far migliorare la situazione verso la fine dello stage, dopo che erano passati già uno o due mesi, dimostrando che senza postazione non potevo lavorare (diciamo che a meno che non si tratti di lavori manuali, nessuno può). Comunque sfogliando altre esperienze presenti in questo forum, o sentite da altri coetanei, nonchè sfogliando la vostra lista dei buoni, mi rendo sempre più conto che con delle competenze tecnico/economiche - soprattutto quest'ultime - trovare stage pagati è di certo molto più facile. La mia è una laurea umanistica in che nella mentalità italiana non mi permetterebbe neanche di aprire bocca per lamentarmi :) E' anche vero che è una laurea in turismo e per questo mi illudevo di poter trovare qualche possibilità in più. Per ora in Friuli niente di niente, così non mi resta che allargare la prospettiva, ed è quello che sto facendo. Peccato però abbandonare una regione che, sulla carta, dovrebbe essere "virtuosa"..

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: eleonorad

Leggi tutto

Pronti, via! Parte il grande sondaggio online di Isfol e Repubblica degli Stagisti per scoprire chi sono gli stagisti italiani

Lo stage riesce davvero ad aprire le porte del mercato del lavoro, serve per completare la formazione? Chi sono gli stagisti italiani? Quanti anni hanno, che studi hanno fatto? Cosa si aspettano - e cosa ottengono - dallo stage?La Repubblica degli Stagisti ha stretto un'alleanza con l'Isfol, l'Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, per andare a chiederlo direttamente ai diretti interessati: gli stagisti.Che in Italia sono tanti, tantissimi: almeno 300mila ogni anno, e il numero cresce costantemente.Il ...

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Eleonora Voltolina

Leggi tutto

Generazione 1000 euro, il regista: «Ragazzi, ricominciate a indignarvi e a lottare per i vostri diritti»

Non ho visto ancora il film, ma già il titolo mi aveva incuriosito, e questa intervista ancora di più. Questo articolo cade proprio a pennello, oggi che ho dovuto fare una scelta di vita simile a quella di cui si parla nel post. Ho agito contro il mio talento, e detto di no a un lavoro che mi sarebbe piaciuto molto fare ma purtroppo precario e senza alcuna garanzia di assunzione futura. Sono scelte forzate in tempi come questi? Stavolta mi sono sentita di rispondere SI, però non sono affatto contenta. Ha ragione il regista quando dice che "se siamo in un’epoca in cui si dice -non puoi permetterti di essere te stesso-, la situazione è molto grave".

Ultimo Post: 7 anni, 8 mesi fa

Di: Alice

Leggi tutto