Categoria: Notizie

Quanto vale la laurea nei concorsi? Bandi poco chiari sulle equipollenze tra i titoli, arriva una guida dal ministero

Quanto vale la laurea? E difficile valutarlo, ma è una domanda a cui dovrebbero dare una risposta almeno i bandi dei concorsi pubblici, dal momento che i punteggi vengono calcolati in base al superamento di alcune prove o al curriculum. Dopo la riforma universitaria è però nato il caos: vecchio o nuovo ordinamento, quadriennali, quinquennali, triennali, specialistiche. Valutare l’equipollenza, ovvero la parità di valore, tra un titolo e l’altro diventa un’operazione matematica con mille incognite. Per questo il ministero dell’Università e la ricerca ha stabilito, tramite specifici criteri e riferimenti normativi, l’equiparazione tra lauree in modo univoco e facilmente consultabile, con lo scopo di evitare errori ed omissioni: la tabella ufficiale è stata fissata dal decreto del 9 luglio scorso, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 7 ottobre (n. 233/2009).La corrispondenza difficilmente è univoca: una laurea in lettere del vecchio ordinamento a cosa corrisponde? A una triennale o ad una specialistica? Il decreto passa la palla agli atenei: «Tenuto conto della suddivisione delle lauree del vecchio ordinamento in più percorsi indipendenti, qualora una delle citate lauree trovi corrispondenza con più classi di lauree specialistiche o magistrali, sarà compito dell'Ateneo che ha conferito il diploma di laurea rilasciare, a chi ne fa richiesta, un certificato che attesti a quale singola classe è equiparato il titolo di studio posseduto, da allegare alle domande di partecipazione ai concorsi insieme con il certificato di laurea».Qui nasce il problema: sono pochi i bandi di concorso dove è chiaro il titolo necessario e quanto viene valutato. Basta dare un’occhiata a quanto viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale e si scoprono anomalie di non poco conto. Si trovano bandi dell’università La Sapienza di Roma che richiedono «un qualsiasi diploma di laurea del vecchio ordinamento, specialistica o magistrale, o una qualsiasi laurea triennale», senza spiegare se il punteggio varia oppure no. Oppure l’Opera pia di Colaniz che chiede «il diploma di laurea assorbente le competenze dei diplomi cui sopra [geometra o perito industriale, ndr] o equipollenti»: sembra che essere ingegneri, architetti o aver conseguito una laurea triennale sia indifferente. Per l’Istituto nazionale di oceanografia basta un qualsiasi «diploma di laurea [più correttamente chiamate lauree di primo livello, ndr] in materie scientifiche»; il Consorzio parco regionale Orobie bergamasche, addirittura, richiede il diploma ragioneria o le «lauree ritenute assorbenti dalla commissione esaminatrice preposta», senza lasciar intendere su quali criteri i commissari giudicheranno la validità di un titolo di laurea. Una gran confusione a cui si spera che il decreto possa porre un po’ di ordine.Eleonora Della Ratta

12 e 13 novembre, la Repubblica degli Stagisti ai Jobmeeting di Bologna e Padova

Due JobMeeting questa settimana, giovedì 12 a Bologna e venerdì 13 a Padova: due occasioni di incontro tra giovani, imprese e intermediari che si occupano di formazione e placement. Obiettivo: fornire a chi sta completando gli studi o cercando lavoro una bussola per orientarsi nel labirinto delle proposte di lavoro e di stage, dei colloqui, delle opportunità di carriera. A entrambi gli eventi parteciperà anche la Repubblica degli Stagisti, che offrirà ai visitatori l’approfondimento «Stage, ecco come scegliere quello giusto e davvero utile». Il seminario avrà luogo nell’area centrale della manifestazione, l'Arena, che ospiterà durante tutto l'arco della giornata diversi relatori che affronteranno diversi argomenti relativi al placement e raccoglieranno le opinioni e i commenti dei visitatori.Il primo appuntamento è a Bologna, giovedì 12 novembre al Palazzo dei Congressi, [nell'immagine] in piazza Costituzione 4. All’evento parteciperanno una trentina di espositori tra aziende ed enti: Accenture, Alma Graduate School, AlmaLaurea, Arval Bnp Paribas Group, Asfor, Barclays, Bentini, Bnl, Business School del Sole 24 Ore, Chloride, Cis Scuola per la Gestione d'Impresa, Credem Banca, Ernst & Young, Gi Group, Ice Istituto Europeo per il commercio estero, IConsulting, Ifoa, Indesit Company, Intesa Sanpaolo, Istituto Europeo di Design, Johnson & Johnson Medical, Prometeia, Top Employers, Trovolavoro.it, Unilever Italia e Unindustria Bologna.Il seminario sullo stage avrà luogo dalle 11 a mezzogiorno; gli altri appuntamenti in calendario per la giornata sono alle 10 con Giulio Xhaet, esperto di social network («Le nuove professioni del web 2.0»); a mezzogiorno con Enrico Aprico, coordinatore Master TV e multimedia production IED («Viaggio nel mondo geek»), alle 14 con Marco Palma e Edi Fornasier di Legacoop («La cooperativa: istruzioni per l’uso») e infine alle 15 simulazioni pratiche su «Come si affronta una selezione in azienda» con Annalisa Porrini, psicologa e responsabile orientamento e sviluppo professionale della Fondazione Istud.Il giorno successivo, venerdì 13 novembre, JobMeeting si sposta a Padova, presso lo spazio della Fiera, in via Niccolò Tommaseo 59. Qui l’evento è organizzato da Cesop in collaborazione con l’Esu di Padova (l'azienda regionale per il Diritto allo studio universitario) e ospitato all’interno di Esu  Lavoraorient@. Le aziende presenti sono addirittura cinquanta: Adacta studio associato, Alleanza, Alma Graduate School, AlmaLaurea, Asfor, Banca Popolare di Vicenza, Bnl, Business School del Sole 24 Ore, Cisl e Cgil di Padova, Cna, Confindustria Padova  Forema Scarl, Despar, Dabpumps, Enaip Veneto, Ernst & Young, Esu di Padova, Eures  Regione del Veneto, Factory School, Federazione veneta delle Banca d’Italia, Banche di Credito Cooperativo, Ferrero, Fondazione Cuoa, Gi Group, Gruppo Ferrovie dello Stato, Gruppo Scai IT Euro Consulting, Il Lavoro, Infocert, Informagiovani del Comune di Padova, Intesa Sanpaolo, Istituto Europeo di Design, Johnson & Johnson Medical, Leroy Merlin Italia, Luxottica, Mazars, Mib school of management, Ordine Consulenti del lavoro Consiglio Provinciale di Padova, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Padova, Ordine degli Psicologi del Veneto, Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Provincia di Padova, Consigliera di parità della Provincia di Padova, Shitek Technology, Telsey, Trovolavoro.it, Unimpiego Confindustria, Usarci A.R.A. di Padova e Rovigo, università di Padova.Qui il seminario della Repubblica degli Stagisti è in calendario per le ore 15: Eleonora Voltolina sarà in questa occasione affiancata da Mara Adobati dell'ufficio Risorse umane di Leroy Merlin, una delle aziende che hanno aderito all'iniziativa del Bollino OK Stage.Gli altri appuntamenti della giornata:  alle 9 e mezza si apre con il seminario «Talento e mercato. Il lavoro dei giovani nelle imprese di oggi» condotto dall'Esu di Padova; a seguire «MImprendo e For Sprinters: collegare le potenzialità degli studenti con le esigenze di sviluppo delle aziende» con don Nicola Mazza  del Collegio universitario. Alle 11:30 è la volta delle simulazioni pratiche su «Come si affronta una selezione in azienda» con Annalisa Porrini della Fondazione Istud; alle 12:30 «Sarò professionista del non profit», con i membri dell'associazione Movimento progetto lavoro Padova. Dopo la pausa pranzo, alle 14 «La creatività ci salverà. Creatività e innovazione per lo sviluppo personale, sociale ed economico» a cura di Confindustria Padova Forema Scarl (il consorzio per la formazione e lo sviluppo dell'impresa dell'Unione degli industriali della provincia di Padova), e infine alle 16 Giulio Xhaet, esperto di social network, con «Le nuove professioni del web 2.0».Per entrambi gli eventi l’ingresso è gratuito, dalle 9 alle 17. Tutti i visitatori riceveranno in omaggio una copia di Ateneo&Azienda 2009 – the neojob directory. L’elenco completo e sempre aggiornato deille aziende partecipanti è disponibile sul sito Jobmeeting.it. Per saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Seminario sugli stage della Repubblica degli Stagisti al Jobmeeting di Milano: il video

Opportunità di stage all'Agenzia europea per i diritti fondamentali con rimborso spese di mille euro al mese

Da oggi fino al 30 novembre è possibile inviare la propria candidatura per gli stage presso l'Agenzia europea per i diritti fontamentali, che si occupa di temi come i diritti umani e dei cittadini e la lotta alle discriminazioni.La Fundamental rights agency [nell'immagine, la presentazione di un recente rapporto condotto dall'agenzia sul tema del razzismo] ha sede a Vienna e svolge la sua attività nell'ambito della cooperazione internazionale; ai giovani laureati offre un periodo di stage da tre a cinque mesi con un rimborso di mille euro al mese, oltre ad un bonus per le spese del viaggio. Un'opportunità che si apre due volte l'anno: le candidature di novembre sono destinate agli stage che partiranno il 1° marzo 2010 e termineranno a luglio. Per chi si laurea nei prossimi mesi, invece, è da tenere d'occhio la sessione autunnale (che parte il 1 ottobre) per la quale sarà possibile presentare le candidature a maggio. «Queste opportunità sono aperte per tutti i dipartimenti dell'agenzia, ricerca, diritti dei cittadini, libertà e giustizia, relazioni esterne, comunicazione, risorse umane ed amministrazione» spiega alla Repubblica degli Stagisti Waltraud Heller, responsabile della comunicazione dell'Agenzia «perciò vi possono accedere i laureati nelle diverse discipline, offrendo la possibilità di formarsi in un contesto internazionale e di migliorare il proprio curriculum. In tutto vi sono 15 posti aperti per ogni edizione». La selezione però è severa perché le domande che arrivano sono sempre molto numerose in tutte le edizioni: «Ne arrivano a centinaia ogni volta - sottolinea Waltraud Heller - per l'ultima tornata ne abbiamo ricevute addirittura 800». L'età media dei partecipanti alle ultime edizioni era intorno ai 30 anni: è un'opportunità che viene scelta non solo dai giovani neolaureati, quindi, ma anche da chi vuole arricchire la propria esperienza in un contesto internazionale.Ecco come fare per candidarsi al bando.I requisiti richiesti: è necessario aver conseguito almeno la laurea breve e, soprattutto, è richiesta un'ottima conoscenza due lingue straniere, preferibilmente inglese e francese.La selezione: una commissione selezionerà i curriculum migliori che saranno sottoposti al vaglio della Fundamental rights agency per le selezioni finali. La scelta avviene in base al curriculum, in particolare sul voto di laurea e le precedenti esperienze maturate. Non esiste un numero prestabilito di posti per Paese, ma l'agenzia cerca di mantenere un equilibrio geografico in base alla provenienza dei giovani laureati. I ragazzi selezionati riceveranno una comunicazione scritta.Lo stage: dura da un minimo di tre a massimo cinque mesi e durante questo periodo i giovani sono affiancati da un tutor che li segue sia nel percorso formativo che durante l'attività lavorativa. Al termine dello stage viene rilasciato un attestato. Per candidarsi è sufficiente compilare il form presente sul sito e inviare un curriculum in formato europeo. Non è richiesta una specifica esperienza nel settore. Eleonora Della RattaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Stage all'Agenzia europea per i diritti, le voci degli «ex»: Emanuele Cidonelli, ecco la mia esperienza a ViennaE anche:- Ultimi giorni per candidarsi alla prossima tornata dei tirocini retribuiti Schuman al Parlamento europeo- Stage retribuiti all'ufficio dell'Ombudsman dell'Unione europea, ancora una settimana di tempo per candidarsi

Giovedì 29 e venerdì 30 ottobre a Pordenone c'è la fiera del lavoro Incontro

Giovedì 29 e venerdì 30 ottobre per i giovani friulani l'appuntamento è a Pordenone con la seconda edizione di Incontro, fiera del lavoro [nell'immagine, l'homepage del sito], che l'anno scorso aveva contato 9mila visitatori e che quest'anno riceve il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e delle province di Pordenone e Udine, oltre che il contributo della Fondazione Crup  - Cassa di risparmio di Udine e Pordenone, e la collaborazione del Consorzio universitario di Pordenone.A Pordenone i ragazzi potranno entrare in contatto con una ventina di aziende e altre realtà: Aeneas, Air Columbia; associazione Aule; associazione Lepido Rocco; Banca Antonveneta; Chebanca!; Civiform soc. cooperativa sociale; Gi Group; Hr Soluzioni; Trieste Integrazione Anffas onlus; D.a.p. Dis; Euroconsulting; Obiettivo lavoro agenzia per il lavoro; Factory Schola; Medialabor - Jobonline; Rondina editore; Trenitalia. Tra gli stand anche quelli della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Marina militare e dei Vigili del fuoco di Pordenone. Ci saranno poi molte agenzie, enti e istituti che fanno intermediazione, promuovono stage e svolgono attività formative: Actl sportello stage; Agenzia regionale del lavoro;  Camera di commercio di Pordenone; Centro formazione Pordenone; Consorzio universitario di Pordenone; Erdisu di Udine; Fondazione Portogruaro Campus; istituto design Palladio; IEO Istituto europeo di design; Fondazione Consulenti per il lavoro; Italia Lavoro; Jobadvisor; Jobbing centre; Naba;  Ordine degli psicologi; Provincia di Pordenone; Provincia di Trieste - servizio lavoro; Regione FVG - centro orientamento Pordenone; Triveneto Lavoro; uannabe.com; università Bocconi; università degli studi di Padova; università degli studi di Trento e università degli studi di Udine.A tutti è aperto anche il concorso fotografico Faccia da Cu... rriculum!, che mette in palio un weekend in Trentino e due iPod.L'appuntamento è al quartiere fieristico di Pordenone dalle 9 alle 18; l'ingresso è gratuito.Eleonora Voltolina

Lo "stage-seminario" si fa al museo, ma i partecipanti pagano il Centro

Un aspetto poco usuale dell'offerta di "stage" del Centro sperimentale di ricerca formazione e documentazione per gli studi umanistici "Gertrude Margaret Lowthian Bell" di Viterbo, portata all'attenzione della Repubblica degli Stagisti da un lettore attraverso la rubrica «Help» (help [chiocciola] repubblicadeglistagisti.it), è che i laureati che partecipano a questa attività non seguono alcun corso preparatorio. I cinque giorni presso il museo  di Palazzo Braschi di Roma [nell'immagine] coincidono, di fatto, con la totalità dell'offerta formativa fornita ai partecipanti dal Centro, che da ciascun partecipante riceve 420 euro. Però a ben guardare è il museo, e non il Centro, a provvedere praticamente a tutto: accoglie gli "stagisti", li ospita presso la sua sede, mette a disposizione una sua dipendente, Nicoletta Bufacchi, che si occupa della loro formazione. Tutto gratuitamente?Così ha confermato subito la stessa Bufacchi, contattata telefonicamente dalla Repubblica degli Stagisti: «Lavoriamo a titolo gratuito, mettendo a disposizione la nostra professionalità per un percorso formativo che riteniamo importante: lo facciamo anche con le università e la stessa responsabile del Centro G.M.L. Bell, Caterina Pisu, è una ex stagista che ha sfruttato quanto appreso per la sua attività». Bufacchi spiega che  durante lo "stage" il suo compito è quello di coordinare le attività all'interno del museo: «Metto a disposizione il materiale didattico e organizziamo incontri con i funzionari delle varie aree, così da spiegare tutto il lavoro che c'è dietro ogni opera esposta». Una prima email della responsabile del Centro descrive invece una situazione un po' diversa: «Il costo di iscrizione è comprensivo delle spese di assicurazione e del materiale didattico prodotto dai docenti, ai quali saranno da noi rimborsate le spese. Immagino che Lei erogherà un compenso ai Suoi collaboratori [il riferimento è al direttore e alla redazione della Repubblica degli Stagisti]. Lo stesso facciamo noi, perché i partecipanti saranno seguiti da un tutor». Sembrerebbe che si parli insomma non soltanto di un semplice rimborso spese, ma anche di un vero e proprio compenso attribuito dal Centro a chi si occupa della formazione degli "stagisti". Siccome nel regolamento, scaricabile dal sito del Centro, si legge che «Il processo formativo è affidato al personale del Museo di Roma», per sciogliere ogni dubbio la Repubblica degli Stagisti ha sottoposto la questione a Palazzo Braschi. Il direttore  del museo, Maria Elisa Tittoni, conferma in un primo momento che il tutor del corso è la stessa Bufacchi, e aggiunge: «Non ci risulta che i nostri dipendenti percepiscano una remunerazione per il corso in questione, né sarebbe legittimo che ciò accadesse». L'accordo non è il primo del genere ad essere stipulato tra questo museo ed enti esterni. Già nel 2007 era stato organizzato uno "stage" a pagamento – dalle caratteristiche del tutto analoghe –  attraverso un accordo tra Palazzo Braschi e la Libera associazione per gli studi etruscologici e topografici (Laset) di Viterbo, il cui coordinatore è sempre Caterina Pisu. Sono poi stati attivati in questi anni brevi eventi didattici per studenti universitari, organizzati però all'interno di master e corsi di laurea e, precisano dal museo, privi della denominazione di stage. Senza contare che, al pari di molti altri enti pubblici, Palazzo Braschi ospita anche veri e propri tirocini: per esempio, dall'università di Roma Tre fanno sapere che «l'unica attività di stage che viene svolta da Roma Tre è all'interno di convenzioni formalmente siglate con enti ed istituzioni. Dall'inizio dell'anno cinque dei nostri studenti hanno svolto presso il museo Braschi uno stage, della durata minima di un mese». A breve distanza dall'intervista della Repubblica degli Stagisti al direttore del museo di Roma, la responsabile del Centro corregge il tiro: «La collaborazione del personale di Palazzo Braschi è evidentemente gratuita e volontaria» afferma, e aggiunge: «è chiaro che tutte le procedure amministrative rispondono ai criteri imposti dalle norme di legge in materia». Anche dal museo giunge una nuova versione circa l'organizzazione del corso: il tutor non sarebbe Nicoletta Bufacchi, come inizialmente dichiarato, bensì «un incaricato esterno del Centro Bell».  La Repubblica degli Stagisti si limita a rilevare le apparenti incongruenze tra le risposte, e a chiedersi: ma se i partecipanti dello "stage" fanno tutta la loro formazione al museo e con la supervisione del personale del museo, che non percepisce un euro, perchè è il Centro a guadagnare 420 euro per ogni "stagista"?La Repubblica degli Stagisti resta ovviamente disponibile a pubblicare un ulteriore chiarimento qualora qualcuno degli interessati ritenga opportuno fornire informazioni più dettagliate.Andrea CuriatEleonora Della RattaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Stage a pagamento: un lettore chiede «help» alla Repubblica degli Stagisti- Cosa costituisce tirocinio formativo e cosa no (secondo la legge italiana) - La Repubblica degli Stagisti al servizio dei lettori: al via la nuova rubrica «Help»

Aspettando Brain at Work e Keep Italy Working: ecco le fiere del lavoro di questi giorni a Roma e Milano

Tre appuntamenti questa settimana con le fiere del lavoro, le giornate organizzate con l'obiettivo di far entrare in contatto i giovani che vorrebbero un impiego e le aziende in cerca di nuovi talenti. Si comincia oggi a Roma con Keep Italy Working [nell'immagine, l'homepage del sito], organizzata dal colosso delle inserzioni online Monster: l'appuntamento è dalle 9 alle 16 all'auditorium del Massimo, in via Massimiliano Massimo, con una trentina di aziende (ecco l'elenco: Allergan, Alstom ferroviaria, Berendsohn italiana, Bialetti, Capgemini Italia, Cesare Fiorucci, Cesvi, Citel group, Colgate - Palmolive; Dany informatica, Drive service, Eng, Interconsulting; Johnson & Johnson; Kpmg advisory, M.C. group scarl, Mainsoft, Philip Morris; Procter & Gamble; Professione prestiti; Publikompass, Rintal; Scai; Scarpe & Scarpe; Vodafone e Wind) che si racconteranno ai giovani, illustrando le proprie prospettive di carriera e metodologie di recruiting, e raccoglieranno i cv. Si prosegue giovedì 22 con la stessa fiera trasportata a Milano, allo Spazio Pelota di via Palermo, sempre dalle 9 alle 16. Qui le aziende partecipanti sono oltre cinquanta: Agenzia generale Ina - Assitalia monza b.b.r. assicurazioni; Agm solutions; Akronos technologies; Allianz Genialloyd; Alstom ferroviaria; Berendsohn italiana; Bialetti; Biesse; Brembo; Bsc consulting; Capgemini; Cargoitalia; Cartorange; Cesvi; Coca cola hbc; Costa crociere; Datalogic; Deloitte; Drive service; Ds group; Enetworks; Ernst & Young; Europ assitance; Everis; Fidenza village outlet shopping; Fmr-art'è; Foster Wheeler; Heineken; Istituto europeo di oncologia; Kpmg advisory; L'Oréal; M.C. group scarl; Mainsoft; Nazca servizi; Norauto; Opera21 holding; Optima servizi; PricewaterhouseCoopers; Rintal; Robert Bosch; Scai; Scarpe & Scarpe; Sistemi Ufficio; Straumann; Teoresi; Tetra pak; Upim; Value retail management; Vodafone e Wind.Tornando a Roma, sempre il 22 ottobre l'appuntamento è con Aspettando Brain at Work [nell'immagine, l'homepage del sito], dalle 9:30 alle 17:30 al centro congressi Frentani in via dei Frentani. A quest'ultima parteciperanno una ventina tra aziende ed enti di formazione:  Telecom Italia; Kpmg; Unilever; PricewaterhouseCoopers; Luiss business school; Hdi assicurazioni; istituto G. Tagliacarne; Soul; Asfor; Job advisor; Lavoro e formazione; Ernst & Young; Ina assitalia; Alleanza assicurazioni; Decathlon italia; Consel- consorzio elis; Lavorare; Sap e Procter & Gamble.A queste fiere del lavoro saranno presenti anche alcune delle aziende che fin da aprile hanno sottoscritto la Carta dei diritti dello stagista, aderendo al progetto del Bollino OK Stage promosso dalla Repubblica degli Stagisti. Al Keep Italy Working di Milano e all'Aspettando BaW di Roma parteciperà per esempio PricewaterhouseCoopers: nel corso di quest'ultimo appuntamento, alle 10 di mattina,  ci sarà anche una presentazione in cui due senior manager, Andrea Mangano e Vincenzo Galgano, racconteranno l’organizzazione di PwC in Italia e all'estero e spiegheranno i meccanismi di selezione, formazione, valutazione delle prestazioni, piano di sviluppo di carriera e international assignment. Al Keep Italy Working di Milano, inoltre, ci sarà anche Everis.Nel corso dei due eventi targati Monster verrà presentata la nuova Guida al lavoro pubblicata da Mondadori [nell'immagine, la copertina] con il sottotitolo: «Tutto quello che devi sapere per cercarlo, cambiarlo, trovarlo - anche in tempo di crisi», curata da Silvia Zanella, esperta di marketing e risorse umane. Nel capitolo «Chi cerca trova: i canali» una delle novità della guida: le istruzioni per utilizzare i social network come Facebook, LinkedIn etc per trovare buone opportunità e mettere in evidenza il proprio cv.Eleonora Voltolina

Tirocini Leonardo, ecco una panoramica dei bandi ancora aperti: dal turismo all'arte, dall'ingegneria alla farmacia

Qualche giorno fa la Repubblica degli Stagisti aveva dedicato un articolo al programma di tirocini retribuiti Leonardo che ogni anno coinvolge oltre 5mila persone, dagli allievi delle scuole superiori ai professionisti ultrasessantenni, nel segno dell'apprendimento permanente. Molti lettori ci hanno scritto per chiedere informazioni sulle opportunità ancora aperte: nelle prossime settimane sul sito del programma LLP, Lifelong Learning Programme, in cui è inserito il progetto Leonardo [nell'immagine] sarà possibile consultare l'elenco completo delle nuove opportunità di tirocinio. Nel frattempo, ecco una piccola panoramica dei bandi a cui ci si può candidare.Il più urgente (scade domani alle 13:00) è il progetto "In-Oltre 3" promosso dall'università di Bergamo e destinato ai laureati in Ingegneria meccanica o gestionale delle università di Bergamo, Padova e Milano, disoccupati o inoccupati, che non abbiano ancora compiuto trent'anni. Per loro ci sono 4 tirocini di sei mesi (in Belgio, Norvegia, Inghilterra e Slovenia), con una borsa di studio di 5645 euro, più o meno 900 euro al mese. La partenza è prevista per il 15 novembre; le candidature vanno inviate all'ufficio Orientamento, Stage & Placement dell'università di Bergamo, all'attenzione di Valentino Rovaris (tutte le informazioni a questo sito).Per i neolaureati delle università romane ci sono 100 posti nell'ambito del progetto "Jobs-4-Graduates / Leonardo", così suddivisi: 32 posti per Tor Vergata, La Sapienza e Roma Tre e 4 posti per Roma Foro Italico. Il bando scade il 4 novembre 2009. I tirocini saranno attivati per il settore sanità in ospedali, studi privati, laboratori sportivi, istituti di ricerca per la salute e la nutrizione; per il  settore turismo in musei, alberghi, agenzie di viaggi e tour operator, camere di commercio; per il settore cultura in biblioteche, riviste letterarie, organizzazioni non governative, fondazioni per lo sviluppo sociale e politico, associazioni musicali, teatrali e artistiche, case di produzione cinematografica; per il settore edilizia e ambiente in studi di architettura e bio-architettura, società per lo sviluppo ambientale ed energetico, società di consulenza per le attività agricole e ambientali; infine per il settore sicurezza in agenzie e società di consulenza e servizi per la sicurezza. I tirocini partiranno tra il febbraio e il settembre 2010 e dureranno sei mesi, con un rimborso spese forfettario di 3790,25 euro lordi (circa 600 euro al mese) che verrà erogato in due rate: la prima entro 45 giorni dall’entrata in vigore del contratto e il conguaglio al rientro dallo stage. Per candidarsi basta compilare il modulo sulla pagina dedicata del sito dell’ateneo di appartenenza, e poi seguire le istruzioni.Un'altra opportunità per i neolaureati è il progetto "Teen" che sta per Tourism und Environment Training Experiences in Europe for New-graduates, per acquisire competenze nel campo del turismo e della tutela ambientale. Il requisito essenziale per partecipare è di essere in qualche modo legati al territorio di Bolzano, Trento, Verona e Potenza: quindi o essere residenti in queste province oppure aver frequentato le università di Bolzano, Trento, Verona e della Basilicata. È poi necessario avere non più di 29 anni ed essersi laureati (basta anche la triennale) da meno di 18 mesi. Lo stage durerà 6 mesi (destinazioni: Austria, Germania, Inghilterra, Francia, Belgio, Irlanda e Spagna) e prevede un rimborso di 5595 euro, circa 900 euro al mese, che verranno sempre erogati con la modalità delle due rate. Il primo bando di selezione, chiuso il mese scorso, ha assegnato 30 borse. Ne restano 55 che verranno messe a bando in due "tranche", a febbraio e a giugno 2010. L'università di Trento, che coordina il progetto [nell'immagine, la pagina del sito dell'ateneo dedicata a Teen], non ha ancora stabilito la data precisa di pubblicazione del bando, ma chi vuol essere sicuro di non perdersi la segnalazione può iscriversi alla mailing list Leonardo  per ricevere una email di avviso quando verranno aperte le candidature.Agli artisti è invece dedicato il progetto "Ali" (Arts and Labour Immersion) promosso dal Cesfor – Centro Formazione Studi Orientamento in partnership con l’assessorato al Lavoro, alle pari opportunità e alle politiche giovanili della Regione Lazio e l’assessorato alle politiche del Lavoro e formazione della  Provincia di Roma. Fino al 5 novembre è possibile candidarsi per vincere uno dei 21 tirocini di tre mesi messi a bando per completare la propria formazione nell'ambito del cinema, delle arti grafiche, del teatro e della musica in Irlanda, Spagna, Portogallo, Germania, Inghilterra, Francia e Polonia. Il bando è rivolto a giovani dai 18 ai 35 anni che abbiano almeno un diploma e un'esperienza, anche informale, nel settore della produzione artistica e multimediale – in particolare ad artisti interessati alle arti espressive, alla multimedialità, alle licenze libere; ad attrezzisti, fonici, light designer, scenografi e scenotecnici, direttori di set; e infine a giovani interessati alle attività di progettazione, organizzazione, gestione e promozione di prodotti e servizi in questi settori. Ai candidati selezionati  verranno forniti alloggio (condiviso con altri partecipanti), biglietto di viaggio, rimborso dei trasporti locali e un contributo a sostegno delle spese di vitto. Il bando è aperto a tutti, anche se poi a parità di punteggio l'ente organizzatore si riserva la possibilità di dare la precedenza ai residenti della regione Lazio. La candidatura e il cv in formato europeo vanno inviati all'indirizzo email ali [chiocciola] cesfor.net.L'Istituzione dei Distretti Industriali della Provincia di Arezzo insieme a Eìdema Academy offre invece attraverso il progetto “For Pro Arsi” 9 tirocini di tre mesi a Malta, con partenza a novembre 2009, a diplomati, laureati e giovani lavoratori interessati ai settori del marketing, della comunicazione, dell'e-business e del turismo. Ai vincitori verrà fornito l'alloggio e un contributo forfettario una tantum di 330 euro (circa 110 euro al mese) per le spese di viaggio, vitto e trasporti locali. Le domande devono essere inviate tramite raccomandata entro il 30 ottobre 2009 presso la sede dell'Istituzione dei Distretti Industriali della Provincia di Arezzo: sulla busta dovrà essere riportata la dicitura “Candidatura progetto For_Pro_ARSI”. Il bando è aperto a tutti gli under 35 senza indicazioni circa la nazionalità e la residenza.Sempre per gli under 35, in questo caso solo piemontesi, fino a martedì 27 ottobre sono aperte le candidature a due opportunità di tirocinio Leonardo, per un totale di 18 posti, coordinate da Enaip Piemonte. La domanda va inviata per posta (farà fede il timbro postale): per scaricare la modulistica e le istruzioni su come comporre il fascicolo si può andare sulla pagina del sito dell'Enaip dedicata all'iniziativa [nell'immagine]. Per questi tirocini, come per quelli organizzati da Cesfor per gli artisti, non è previsto un rimborso spese: i  due organismi partner ospitanti, Generalitat de Catalunya per i tirocini a Barcellona e Step – Stage within European Programmes per Siviglia, si occupano direttamente di provvedere al vitto e all'alloggio dei tirocinanti – per il primo mese solitamente presso famiglie, in regime di mezza pensione, poi per i mesi successivi in appartamenti condivisi. I requisiti per candidarsi sono: avere un'età compresa tra i 18 e i 35 anni e una conoscenza di base dello spagnolo. Il bando è rivolto a diplomati o laureati, ma nelle passate edizioni sono stati accettate anche persone che avevano solo la licenza media. In ogni caso, verrà data precedenza a coloro che abbiano già completato gli studi e, se ancora all'università, abbiano comunque finito gli esami. Ecco i dettagli dei due bandi: il primo, realizzato con il cofinanziamento della Provincia di Torino, mette a disposizione 10 posti, riservati a residenti a Torino e provincia, con destinazione la Regione Catalunya, nel periodo febbraio-maggio 2010.  Il secondo, per i residenti in Piemonte, offre 8 posti di tirocinio a Siviglia, nel periodo gennaio-maggio 2010 (qui il cofinanziamento è offerto dalla Regione Piemonte). Ai beneficiari verrà offerto per il primo mese un corso di spagnolo, e per i successivi tre un tirocinio non retribuito presso aziende, associazioni, enti appartenenti a diversi settori produttivi: culturale, architettonico, sociale e servizi, marketing e comunicazione, turistico, gestione dell’impresa, commerciale e informatico. Per i laureandi e neolaureati in Farmacia, infine, occhio al progetto "Unipharma Graduates 6"  che metterà a bando a dicembre 60 tirocini presso centri di ricerca europei del settore chimico, farmaceutico e biotecnologico.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Programma Leonardo, stage in giro per l'Europa dai quindici ai sessant'anni sotto il segno della formazione permanente

Ultimi giorni per candidarsi alla prossima tornata dei tirocini retribuiti Schuman al Parlamento europeo

Ancora tre giorni per candidarsi alla prossima tornata dei tirocini Schuman, gli stage retribuiti del Parlamento europeo. Possono partecipare alle selezioni tutti i maggiorenni laureati (è richiesta almeno una triennale) e cittadini di un Paese membro dell'Unione Europea (o candidato a diventarlo), che conoscano bene almeno una delle lingue ufficiali e che non abbiano già usufruito di un tirocinio o un impiego retribuito presso un'istituzione europea. Inoltre bisogna produrre una lettera di presentazione (che andrà bene anche formulata in lingua italiana) firmata da un professore universitario o un professionista. Questo programma di tirocini riserva circa un quinto dei posti disponibili ai giornalisti: in questo caso chi si vuol candidare deve dimostrare di avere una certa esperienza giornalistica, per esempio con l'iscrizione all'Ordine o provando in altro modo la propria attività. Nulla vieta agli aspiranti tirocinanti Schuman di tentare entrambe le vie, candidandosi sia per l’opzione giornalismo sia per quella generale.Gli stage durano cinque mesi, vengono svolti principalmente nelle sedi centrali di Bruxelles e Strasburgo ma anche negli uffici periferici del Parlamento europeo (in Italia ce ne sono uno a Milano e uno a Roma) e prevedono un rimborso spese di circa 1135 euro al mese.Nel 2007 per 257 posti sono arrivate quasi 7mila candidature: dei fortunati prescelti 38 – quasi il 15%  – erano italiani. Nel 2008 per oltre 6200 aspiranti stageur i posti erano più numerosi, 364 per la precisione, suddivisi in 289 per l’opzione generale (38 italiani tra i vincitori) e 75 per l’opzione giornalismo (qui gli italiani prescelti sono stati 15, tra cui un lettore della Repubblica degli Stagisti).Il programma prende il nome dal politico francese Robert Schuman, ministro a cavallo tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio degli anni Cinquanta, che costruì le basi dell'Unione Europea e fu anche il primo presidente del Parlamento europeo.È utile ricordare che questi stage danno la possibilità di fare un'esperienza significativa, nella maggior parte dei casi all'estero, senza essere costretti a pagarsela di tasca propria; però non sono orientati all'inserimento lavorativo, come del resto la stragrande maggioranza degli stage fatti in ambito pubblico. Pertanto vanno visti per quello che sono: un'esperienza puramente formativa, ben retribuita certamente, ma forse non adatta a chi cerca un posto stabile dopo il tirocinio.Le candidature per gli stage che cominceranno il 1° marzo 2010 sono aperte fino a giovedì 15 ottobre a mezzanotte. Chi è interessato a provarci non perda tempo!Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Un lettore alla Repubblica degli Stagisti: grazie a voi ho vinto un tirocinio Schuman al Parlamento europeo- Stage retribuiti all'ufficio dell'Ombudsman dell'Unione europea, ancora una settimana di tempo per candidarsi

Stage, maxi-finanziamento europeo da 60 milioni per disoccupati di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Ma tra i criteri di selezione non c'è l'età

Sulla carta, il Progetto Lavoro e Sviluppo 4 (Les 4) potrebbe far pensare a un nuovo caso di superstage: un maxifondo da 60 milioni di euro per finanziare 6mila “interventi lavorativi” nel settore turistico, in favore di disoccupati residenti nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, senza alcun limite massimo di età per i partecipanti. Il nuovo programma di tirocini è stato istituito dal ministero delle Attività produttive, dal dipartimento per lo Sviluppo e la competitività del turismo della presidenza del Consiglio dei ministri e dal ministero del Lavoro e delle politiche Sociali con finanziamenti provenienti per l’80% dal fondo sociale europeo e per il 20% dall’apposito fondo di rotazione nazionale. Sono previsti in tutto 6mila interventi nel corso di tre anni, tra tirocini in mobilità nazionale o locale e percorsi di formazione ad hoc per soggetti svantaggiati. I partecipanti potranno usufruire di una borsa mensile da 500 euro al mese, oltre alle indennità di prima sistemazione e di mensa, alle doverose assicurazioni Inail ed Rc e al rimborso per le spese di viaggio. Alcuni sostanziali elementi differenziano questo progetto dal caso degli stage abnormi calabresi portato  mesi fa all’attenzione dei lettori della Repubblica degli Stagisti. Primo fra tutti, la durata: «Non più di 5 mesi nella stessa azienda, al massimo 6 mesi dietro espressa richiesta del datore di lavoro e soltanto quando vi è la certezza di una successiva assunzione», spiega Antonino Bussandri, responsabile del servizio di sviluppo del mercato del lavoro per Promuovi Italia, la società pubblica di proprietà dell'Enit che coordina il progetto e gestisce l’inserimento degli aspiranti tirocinanti nelle aziende del settore. Le  aziende ospitanti, inoltre, dovrebbero essere sottoposte a rigidi controlli volti a verificare la qualità dell’esperienza di tirocinio. «Selezioniamo le imprese» spiega Bussandri «tra quelle che godono di agevolazioni finanziarie in base alla legge 488 del 1992 e che già rispondono a standard europei». Il programma appena avviato è il quarto e più importante di una serie di progetti simili, per i quali Promuovi Italia ha gestito complessivamente 31 milioni di euro di finanziamenti per 3.400 interventi. «Grazie alle esperienze passate» aggiunge il responsabile «abbiamo affinato una procedura di controllo qualità ben precisa; in particolare, intervistiamo telefonicamente i tirocinanti che non ricevono un’offerta di lavoro, ma anche chi abbandona il percorso prima di averne completato almeno il 20 per cento. Sottoponiamo dei questionari ai ragazzi, prendiamo atto delle loro motivazioni ed osservazioni, e mettiamo in atto i rimedi. In questo modo abbiamo progressivamente ridotto gli abbandoni, che ora si attestano ad una percentuale inferiore al 7 per cento». Le possibilità di assunzione sembrano essere consistenti: gli organizzatori ritengono che almeno il 65% dei tirocini sia destinato a concludersi con una proposta di lavoro, sebbene tale stima si basi sui risultati dei progetti passati e non su un accordo concreto con le aziende. «Spetta alle singole società decidere se assumere i tirocinanti o meno» sottolinea ancora Bussandri «ma con l’ultimo programma Replay [uno dei progetti antesignani del Les 4, dalle caratteristiche analoghe ma provvisto di un finanziamento totale pari a 6 milioni di euro circa] abbiamo registrato un picco pari al 72,2% di inserimenti. E se in passato la richiesta da parte delle aziende si concentrava su profili lavorativi medio-bassi, con il Les 4 contiamo di inserire molti ragazzi in posizioni di fascia medio-alta». Chi non dovesse ricevere un’offerta di lavoro potrà contare su ulteriori opportunità di formazione, quali viaggi-studio all’estero per migliorare le competenze linguistiche (in tal caso le spese sono finanziate grazie al medesimo fondo, ma non è prevista la borsa di lavoro) e ulteriori esperienze presso aziende differenti («ma nessuno ha mai effettuato più di due tirocini consecutivi», specifica il responsabile). Tutto rose e fiori, quindi? Non proprio: resta infatti aperto il nodo del limite massimo di età, che nel Les 4 non è affatto menzionato. Rischia così di riproporsi il problema dei tirocinanti ultratrentenni, magari con varie esperienze lavorative alle spalle o attività da liberi professionisti in corso. Ma Bussandri difende la scelta di non aver posto un limite di età: «I tirocini rappresentano uno strumento per garantire un passaggio di competenze, una trasmissione di know-how. Per esempio: un uomo o una donna quarantacinquenni che abbiano lavorato per tutta la vita nel settore manifatturiero, e che ora hanno perso il posto a causa della crisi, hanno diritto a reinventarsi una vita professionale, magari proprio nel settore del turismo. La scelta di non porre limiti di età risponde a questo ragionamento». Andrea CuriatPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Progetto di stage "Les 4" di Promuovi Italia: la scheda con tutte le informazioni utili

Opportunità per i neodiplomati di Udine: «Dalla scuola al lavoro», tirocini di qualità promossi dal Comune

Il Comune di Udine promuove un progetto di stage "di origine controllata", destinato ai giovani  neodiplomati che abbiano intenzione di inserirsi subito nel mondo del lavoro. L'iniziativa, che si chiama «Dalla scuola al lavoro... Tirocini di qualità 2009 - 2010» e coinvolge anche la Provincia e le associazioni di categoria locale, mette a bando una ventina di posizioni di tirocinio. «Per la prima volta ci attiviamo in questo ambito» spiega Lisa Beltrame dell'Agenzia Giovani [nell'immagine, l'homepage del sito]: «Gli stage dureranno sei mesi, e speriamo di riuscire a farli partire già da metà novembre». C'è tempo fino a mercoledì 21 ottobre per candidarsi: i requisiti minimi sono avere la residenza a Udine, essersi diplomati da non più di 18 mesi e avere meno di 30 anni. Le candidature andranno consegnate a mano presso la sede di viale Ungheria: «In effetti questo non è molto moderno» ammette sorridendo Beltrame «ma non potevamo fare diversamente, per via delle procedure di protocollazione e anche perchè sarà importante poter determinare con certezza non solo il giorno, ma anche l'orario della presentazione di ciascuna candidatura». Solo ai primi cento arrivati, infatti, verrà garantito il colloquio presso il centro per l'impiego, primo passo per la selezione. Sarà proprio il centro per l'impiego di Udine, poi, a fungere ufficialmente da ente promotore: «Come prevede la normativa, sulla convenzione di stage verrà segnalato il nominativo dell'addetto dell'ente promotore nominato tutor, che sarà il punto di riferimento per i tirocinanti», chiude Beltrame: «E anche noi come Agenzia Giovani, in tandem con il collega del centro per l'impiego, continueremo a monitorare questi 23 ragazzi affinchè lo stage venga svolto nel migliore dei modi. Ci sono 46mila euro del Comune in questo progetto, soldi pubblici di cui è doveroso controllare l'utilizzo: vogliamo essere sicuri che vadano spesi bene, a tutto vantaggio dei ragazzi». Un aspetto significativo del progetto è che per reclutare le imprese ospitanti, quelle cioè che prenderanno i giovani in stage, il Comune di Udine ha coinvolto anche la Repubblica degli Stagisti, prendendo spunto dalla Carta dei diritti dello stagista per indicare a queste imprese la strada giusta da seguire per offrire vere opportunità di formazione e di inserimento lavorativo.Per esempio, il rimborso spese: gli stagisti riceveranno per i primi quattro mesi 500 euro al mese da parte del Comune. Poi, per gli ultimi due mesi, il Comune si aspetta che siano le aziende a provvedere a questo rimborso, dato che a quel punto gli stagisti avranno già imparato abbastanza da essere produttivi e utili alle imprese. Certo non si tratta di un'imposizione, anche perchè la normativa vigente non pone l'obbligo di pagare gli stagisti: ma la speranza è che dare a queste imprese un buon esempio le possa stimolare a comportarsi nello stesso modo. In particolare, nel "Vademecum del tirocinio di qualità" trasmesso dall'Agenzia Giovani comunale a tutte le aziende che si sono candidate come ospitanti viene ricordato che non si possono utilizzare gli stagisti per rimpiazzare personale in ferie o maternità, che la presenza del tutor dev'essere costante, che lo stage dev'essere usato solo per persone che non hanno significative esperienze lavorative alle spalle.Le imprese ospitanti sono 23, scelte tra quasi 40 in base al rispetto di alcuni criteri (la sede nel comune di Udine, la presenza di almeno un dipendente a tempo indeterminato): dall'agenzia immobiliare all'impresa edile, dall'albergo allo studio di ortodonzia, dallo studio legale all'oreficeria, dalla società di brokeraggio assicurativo a quella di vigilanza privata. Sul sito del Comune è possibile scaricare un documento che illustra le posizioni di tirocinio e le mansioni che concretamente lo stagista sarà chiamato ad apprendere. E se le aziende non hanno alcun vincolo rispetto all'assunzione dei giovani al termine del tirocinio, il Comune si aspetta però che molte decidano di farlo: anche per rispettare il quinto punto del Vademecum – che poi coincide col quinto punto della Carta dei diritti dello stagista – che recita: «Il tirocinante deve avere, almeno nel caso dei tirocini svolti presso strutture private, una concreta possibilità di assunzione dopo lo stage».Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento leggi anche:- la Carta dei diritti dello Stagista