Categoria: Editoriali

Progetto Lombardia 2010, SPAZIO AGLI UNDER 35: videointerviste ai candidati più giovani delle prossime elezioni regionali

L'Italia non è un paese per giovani. In Italia le nuove generazioni hanno poco potere: economico, sociale, politico. Spesso vivono con stipendi al di sotto della soglia di sopravvivenza - la generazione mille euro, per l'appunto - costretti ad andare a bussare da mamma e papà per ogni imprevisto, e svolgono mestieri al di sotto delle loro aspettative e della loro preparazione. Talvolta sono costretti ad emigrare all'estero in cerca di prospettive migliori.Per questo, in vista dell'imminente scadenza elettorale in molte Regioni, la Repubblica degli Stagisti si è alleata con Antonio Incorvaia e Alessandro Rimassa, autori del best-seller "Generazione mille euro", e con Alessandro Rosina, docente di demografia e autore del libro "Non è un paese per giovani".Per perorare una causa: spazio ai giovani. Con un sogno: vedere qualche under 35 in più nei consigli regionali. Il ricambio generazionale è fondamentale anche in politica, perché è dentro le istituzioni che si può agire sui meccanismi, legiferare, spostare fondi e destinare finanziamenti lì dove servono, ai giovani, per poter crescere.Ci siamo messi alla ricerca dei candidati under 35 della Lombardia, ne abbiamo trovati più o meno la metà, li abbiamo invitati a fare una videointervista. Sei domande uguali per tutti: le risposte le trovate tutte qui, in questi 30 video su StagistiTV.Non vogliamo dirvi di votarli perché sono giovani: ma vogliamo dar loro uno spazio alternativo, 2.0, per farsi conoscere e apprezzare per le loro idee. E a parità di merito, perché no, magari nel segreto dell'urna potrete decidere di dare la preferenza a uno di loro, anziché ai soliti anzianotti.Eleonora Voltolina

Mantenere i figli è un obbligo per i genitori, anche se sono adulti e vaccinati. Ma chi ci perde di più sono proprio i giovani

Di nuovo un tribunale decreta l’obbligo per un genitore di mantenere i figli. Anche se i pargoli sono ormai adulti, anche se hanno passato il quarto di secolo, anche se hanno scambiato l’università per un parcheggio e non danno segno di volersi impegnare per diventare economicamente indipendenti.L'ultimo caso è quello di un pensionato che si ritrova due figlie bamboccione – stando alla notizia su Corriere.it la prima ha 26 anni ed è al terzo anno fuori corso di giurisprudenza, la seconda ne ha 30 ed è addirittura al sesto anno fuori corso di sociologia. Il Tribunale di Roma gli ha ordinato di versare loro 1800 euro al mese, più del 70% della sua pensione. Perchè? Un mese fa era stato il Tribunale di Bergamo (qui la notizia Ansa) a pronunciarsi in maniera analoga dando torto a un padre, di professione artigiano, che da tre anni non manteneva più la figlia – attualmente 32enne e iscritta fuoricorso da otto anni alla facoltà di filosofia. Dovrà continuare a darle 350 euro al mese, così come aveva stabilito il Tribunale di Trento nel 1998 (quando la ragazza aveva vent’anni) fintanto che lei non si renderà – bontà sua – autosufficiente. Cioè potenzialmente per sempre.E anche un quarantenne, stoppato a febbraio nelle sue richieste dalla Corte d’appello di Milano, ha deciso di ricorrere alla Cassazione per farsi riconoscere il diritto di essere mantenuto: anzi in questo caso, siccome è figlio di un medico facoltoso, non si accontenta di briciole e pretende ben 2mila euro al mese più oltre 50mila di arretrati.Dalla Sicilia, fortunatamente,  un po' di buonsenso: lì il tribunale di Palermo si è trovato di fronte a una situazione simile – un padre consulente del lavoro che aveva smesso di mantenere il figlio, oggi 30enne, iscritto a Ingegneria ma disastrosamente indietro con gli esami – e ha dato ragione al genitore, secondo il principio che a una certa età una persona deve darsi una mossa e trovarsi un lavoro.Gli addetti ai lavori spiegano che è una sentenza della Cassazione del 2007 ad aver fatto scuola: «l'obbligo dei genitori di concorrere tra loro, secondo le regole dell'art.148 c.c. al mantenimento dei figli non cessa automaticamente con il raggiungimento della maggiore età, ma perdura immutato finché il genitore interessato non provi che il figlio ha raggiunto l'indipendenza economica (o sia stato avviato ad attività lavorativa con concreta prospettiva di indipendenza economica), ovvero finché non sia provato che il figlio stesso, posto nelle concrete condizioni per poter addivenire all'autosufficienza, non ne abbia, poi, tratto profitto per sua colpa…» (Cassazione civile , sez. I, 11 gennaio 2007 , n. 407).Questa la cronaca – ora, tre considerazioni. Primo: essere mantenuti troppo a lungo da mamma e papà è apparentemente una comodità per i giovani; ma sotto sotto diventa controproducente, perchè frena la voglia di camminare sulle proprie gambe, di crearsi la propria vita, la propria casa, la propria carriera. Seconda considerazione: se è vero che i figli so' piezz ’e core, e la stragrande maggioranza dei genitori italiani non si sogna di «chiudere i rubinetti» nemmeno con figli ampiamente adulti continuando a dare una paghetta, o a pagare un affitto, o a coprire le spese per le vacanze, è altrettanto vero che con questo sistema i figli rimangono sempre un po’ al guinzaglio. Ti dò la paghetta, però vieni a pranzo tutte le domeniche, mi raccomando. Ti pago l’affitto ma qui vicino a noi, non cambiare quartiere e tanto meno città, non vorrai mica abbandonarci. Ti pago le vacanze, ma scegli un posto che va bene a noi – anzi magari lo stesso nostro, così ci facciamo compagnia. E così ricevere denaro dai genitori per una persona che ha già venticinque o addirittura trent’anni diventa una resa: barattare la propria indipendenza per un po' di tranquillità economica.In terzo luogo, questa abitudine molto italiana vizia il mercato del lavoro con enormi danni per la collettività: perchè quei giovani che si sentiranno sempre le spalle coperte potranno continuare ad accettare stage gratuiti o con rimborsi spese indignitosi, o cocopro sottopagati, tranquilli e certi che tanto la "differenza" ce la metteranno mamma e papà. Andando quindi a "dopare" il mercato.Il grande assente, in questo frangente, è lo Stato. Un welfare state degno di questo nome – con aiuti alle giovani coppie, affitti a prezzo agevolato, ammortizzatori sociali per non essere costretti a correre da mamma e papà tra un contratto a progetto e l’altro  –  sarebbero un sostegno ben più sano, per i giovani, di quello delle famiglie d’origine.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- 500 euro al mese, no grazie: ministro Brunetta, i giovani italiani vogliono opportunità non carità- Bamboccioni? Nel libro «L'Italia fatta in casa» Alesina e Ichino spiegano di chi è la colpa- Giovani, lavoro e stipendi troppo bassi: quando al mutuo ci pensa papà (indebitandosi). Parola di Luigi Furini- Stage gratuiti o malpagati, ciascuno può fare la rivoluzione: con un semplice «no»- Chance ai giovani, Bangladesh - Italia uno a zero. A quando anche qui un microcredito "alla Yunus" per aiutare i ragazzi a diventare indipendenti?

Elezioni regionali alle porte: se qualche candidato se la sente di impegnarsi per i giovani, ecco le proposte della Repubblica degli Stagisti

Le elezioni regionali si avvicinano e sono tanti i candidati che promettono più attenzione e più interventi per i giovani. Alla Repubblica degli Stagisti piacciono molto le parole ma ancora di più i fatti: ecco quindi un piccolo elenco di cose concrete che i candidati potrebbero impegnarsi a proporre (e si spera anche a realizzare), una volta eletti, per migliorare la vita degli stagisti della loro regione. 1) istituire un database regionale che raccolga tutte le informazioni relative all'attivazione di ogni stage. Il database dovrebbe coordinare il lavoro di uffici stage universitari, centri per l'impiego, scuole di formazione post diploma e post laurea, e tutti gli altri soggetti che fungono da enti promotori. Dovrebbe essere condiviso con camere di commercio, associazioni datoriali, inps, inail e direzioni provinciali del lavoro per permettere di monitorare in maniera costante il rispetto della normativa (es. il numero di stagisti ospitabili contemporaneamente, correlato al numero di dipendenti a tempo indeterminato di una data azienda). Il database, prevedendo campi specifici su data di inizio e di fine dello stage, data di inizio e di fine dell'eventuale proroga, entità del rimborso spese se presente e/o di altri benefit a favore dello stagista, e - cosa importantissima - esito dello stage, potrebbe anche fungere da osservatorio di fatto dell'universo stage regionale, diventando così lo strumento principale dell'azione di coordinamento e controllo dell'utilizzo dei tirocini.2) ridurre la durata massima degli stage. Questo è stato già fatto nel 2009 dalla Regione Veneto mediante la legge 3/2009 che prevede che il limite massimo per i laureati e altre categorie da 12 mesi scenda a 9 e per i disabili da 24 mesi si riduca a 18.3) introdurre il divieto di accogliere stagisti per quelle aziende che sono in cassa integrazione, in mobilità o hanno effettuato licenziamenti di recente. Questo è stato già fatto nel 2008 dalla Regione Piemonte con la normativa  34/2008, in cui si legge: «Non è ammesso l'utilizzo di tirocini in aziende che abbiano in corso sospensioni di lavoratori in cassa integrazione o che nei sei mesi precedenti abbiano ridotto il personale con licenziamenti, mobilità». La misura, in tempi di crisi economica più urgente che mai, permettebbe di evitare che le imprese senza scrupoli mandino a casa i lavoratori sostituendoli con stagisti, che non hanno diritto nè a stipendio nè a contributi e possono essere lasciati a casa con estrema facilità quando scade il "contratto" (che poi in realtà è una semplice convenzione).4) prevedere un controllo più capillare dell'operato degli enti promotori, in special modo quelli accreditati dalla Regione, per verificare che non svolgano solo il ruolo di "passacarte", ma veglino concretamente sulla qualità dei tirocini che promuovono. Stabilire dei parametri minimi di qualità del servizio di promozione stage, sotto i quali l'ente perde l'autorizzazione a svolgere questo ruolo. Prevedere che, in caso di contenziosi in Tribunale, un ente promotore sia responsabile tanto quanto l'ente ospitante che ha trattato in maniera incongrua lo stagista. Responsabilizzare, insomma, gli enti promotori! 5) elaborare sgravi fiscali e contributivi per quelle aziende che assumono la persona al termine dello stage, sul modello di ciò che prevede la normativa sull'apprendistato. Incentivare cioè le imprese ad assumere nuovi talenti aumentandone la convenienza: il tasto giusto per far leva su imprenditori e direttori del personale è spesso quello del portafogli. Lo sgravio va sempre preferito al premio in denaro perchè non comporta un esborso da parte delle casse pubbliche.6) prevedere che ogni contributo regionale a iniziative di formazione e in particolare di stage e tirocini non consista nella distribuzione di fondi a pioggia, ma sia modulato in base all'efficacia di queste iniziative. L'efficacia nel caso degli stage si può calcolare attraverso il dato degli "esiti positivi", cioè delle assunzioni al termine del percorso. Nella stessa ottica, prevedere che laddove la Regione interviene fornendo un rimborso spese - borsa studio / lavoro - dote formativa a un cittadino che fa uno stage, pretenda che una cifra almeno equivalente sia erogata a quello stesso cittadino dal soggetto (ente pubblico o azienda privata) che lo ospita in stage.Il guanto di sfida è lanciato: ora si tratta di vedere chi avrà il coraggio (e la volontà) di raccoglierlo. La Repubblica degli Stagisti veglierà sulle promesse, andando a verificare che vengano mantenute, e offrirà tutta la collaborazione possibile a chi, da destra a sinistra, vorrà impegnarsi su qualcuno di questi punti.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- 500 euro al mese, no grazie: ministro Brunetta, i giovani italiani vogliono opportunità non carità- La proposta della Repubblica degli Stagisti al ministro Sacconi: imporre a chi sfrutta gli stagisti di fare un contratto di apprendistato- Vademecum per gli stagisti: ecco i campanelli d'allarme degli stage impropri - se suonano, bisogna tirare fuori la voce

Sanremo e l’arte del finto rinnovamento: spazio ai giovani (vedi Valerio Scanu) a patto che abbiano dietro un grande vecchio (vedi Maria De Filippi)

Il punto di vista di un outsider che invita i giovani a riappropriarsi del loro futuro: con questo nuovo editoriale Alessandro Rosina, 40 anni, docente di Demografia e autore insieme a Elisabetta Ambrosi del bel saggio Non è un Paese per giovani (Marsilio) prosegue la sua collaborazione con la Repubblica degli Stagisti.Il vincitore morale della sessantesima edizione del festival di Sanremo è l’orchestra. Un’orchestra viva, pulsante e pensante. In un’Italia soporifera, che si lascia scivolare addosso di tutto, è accaduto l’inatteso: i musicisti, da discreta presenza al servizio delle canzoni, si sono trasformati in plateali contestatori del verdetto finale. Come dargli torto? Va bene premiare il nuovo, ma a condizione che sia talento vero e sia in grado di conquistarsi il podio per propri meriti. Ed invece ecco che vince Valerio Scanu, classe 1990, noto principalmente per essere amico di Maria (de Filippi), a scapito della ventiseienne Malika Ayane [nella foto] che invece è qualità vera, allo stato puro.  Così come l'anno scorso il primo posto era andato a Marco Carta, 25 anni, un altro amico di Maria – che addirittura era stata invitata dal presentatore Paolo Bonolis sul palco dell'Ariston a incoronare il "suo" Marco. Spazio ai giovani, quindi, a patto che rimangano burattini con alle spalle un Grande Vecchio che dietro le quinte muove i fili per loro. A tutti gli altri… tanti bei premi di consolazione. Sono molti, troppi, i concorsi che in Italia vanno in questo modo. Sanremo è davvero lo specchio del Paese. Ma per fortuna stavolta qualcuno ha detto no. È come se l’orchestra fosse stata uno dei membri della commissione d’esame, visto che aveva diritto di voto. Un voto qualificato, poi però soverchiato dalla valanga di sms della gente comune (e da quelli fatti appositamente mandare dai “grandi vecchi”, appunto).E allora: grazie all’orchestra, per non aver accettato di farsi prendere in giro e per aver lasciato ai posteri il segno tangibile del proprio dissenso. Un singolo musicista che avesse storto la bocca all’annuncio dei vincitori sarebbe passato inosservato. È stato, invece, un moto generale quello che si è spontaneamente sollevato. Certo, potevano magari alzarsi tutti ed andarsene, rifiutando di suonare i pezzi finali. Ma sono dei veri professionisti e “the show must go on”. Ma quando parliamo del fatto che deve vincere il merito, cosa intendiamo? Possiamo consolarci dicendo che poteva anche andare peggio, che la de Filippi sa  scegliere bene e farci digerire bene le sue scelte? Se accettiamo questo allora non avremo difficoltà a votare i vari giovani inseriti ad arte nelle liste elettorali. Poi però non lamentiamoci se in Italia, gattopardescamente, tutto cambia senza mai cambiare veramente.Alessandro RosinaPer saperne di più, leggi anche gli altri editoriali di Rosina pubblicati dalla Repubblica degli Stagisti:- La lezione di Rita Levi Montalcini: i giovani devono credere in se stessi nonostante tutto e tutti- L’Italia divisa e l’arte della fuga: se i giovani migliori scappano dal Mezzogiorno, laggiù cosa resterà?- Caro Celli, altro che emigrare all’estero: è ora che i giovani facciano invasione di campo e mandino a casa i grandi vecchi E anche:- «Non è un paese per giovani», fotografia di una generazione (e appello all'audacia)- Trentenni italiani, la sottile linea rossa tra umili e umiliati nel libro «Giovani e belli»

Superstagisti calabresi assunti? Una bella notizia solo in apparenza

Umanamente, che trecento stagisti vengano assunti al termine dello stage è una bella notizia, sopratutto per la Repubblica degli Stagisti che ogni giorno si batte proprio perché nei percorsi di tirocinio vengano garantiti qualità, rimborso spese e concrete possibilità di assunzione dopo. Politicamente, però, che ai superstagisti calabresi venga promesso «Vi assumeremo», attraverso un emendamento ad hoc, quando alla fine dello stage mancano ancora nove mesi e invece ne mancano soltanto tre alle elezioni regionali, è un po' meno bella, come notizia. A livello di finanze pubbliche, poi, che ciascuna di queste assunzioni venga a costare oltre 50mila euro alle casse della Regione Calabria (e cioè ai contribuenti) non è una gran vittoria. Anche se, come dicono i consiglieri regionali, i fondi verranno reperiti attraverso un virtuosissimo taglio dei costi della politica. E infine, nell'ottica dello snellimento della pubblica amministrazione, una prospettiva di 300 nuovi dipendenti pubblici in Calabria non è proprio entusiasmante, anche se indubbiamente si tratterebbe di dipendenti giovani e brillanti.Ma su tutto questo si potrebbe, volendo, mettere una pietra sopra. Si potrebbe dire «Va bene, abbiamo speso tanti soldi, abbiamo aumentato il numero dei dipendenti pubblici, però guardate: abbiamo dato un lavoro a tanti giovani meritevoli, tutti laureati, tutti calabresi: e glielo abbiamo dato nella loro terra, senza costringerli ad emigrare». Si potrebbe. Se non fosse che per arrivare a questo risultato il consiglio regionale ha deciso di infischiarsene di una legge dello stato e del buonsenso.E partiamo proprio da quest'ultimo. Il buonsenso dice che una persona di trent'anni di solito ha finito la sua formazione e vuole un lavoro. Specialmente se è brillante, e in questo caso è così: tutti i partecipanti al Programma Stages promosso dal consiglio regionale della Calabria a partire dall'autunno del 2008 sono non solo laureati col massimo dei voti ma spesso addirittura "dottorati e masterizzati", e/o già iscritti a ordini professionali. Il buonsenso dice (e la Repubblica degli Stagisti lo ha ripreso, appunto, nella Carta dei diritti dello stagista) che lo strumento del tirocinio deve essere riservato ai giovani. Invece il Programma Stages era aperto a persone fino a 37 anni di età: il che vuol dire, dato che sono ormai passati quasi due anni, che tra i superstagisti calabresi c'è oggi chi si avvia verso i quarant'anni.Il buonsenso dice che se si vuole offrire un percorso di qualità si deve mandare la gente in strutture di qualità: e con tutto il rispetto, gli uffici pubblici calabresi non sono rinomati nel mondo per la loro efficienza né per l'alto grado di produttività e di innovazione – anzi forse è più probabile che i ragazzi abbiano in questo anno insegnato qualcosa, piuttosto che impararlo. Il buonsenso dice infine che, a prescindere dalla qualità del posto in cui si trova, se una persona adulta sta per un anno e passa in un posto, ragionevolmente svilupperà il desiderio di rimanerci, cioè di essere assunta. E qui comincia il balletto della politica. Il balletto di dichiarazioni del presidente della regione Agazio Loiero e del presidente del consiglio regionale Giuseppe Bova, avviato non appena sono partite le critiche – sotto forma di articoli da parte della Repubblica degli Stagisti, sotto forma di interrogazione parlamentare da parte di Pietro Ichino. Tutti a dire che no, il Programma Stages era pura formazione, che non ci sarebbe stata alcuna assunzione dopo, che il progetto era trasparente e non aveva come secondo fine quello di creare un'ulteriore sacca di precariato nella pubblica amministrazione. Il balletto è continuato quando sempre i soliti han fatto notare che secondo la normativa di riferimento per i tirocini formativi, il decreto ministeriale 142/1998, gli stage possono durare al massimo 12 mesi (comprese le eventuali proroghe), salvo che per i disabili. E quindi che un ente pubblico promuovesse stage di addirittura 24 mesi, in aperto contrasto con la legge, era inaccettabile. Lì è partita la tripla piroetta: prima hanno detto che non si trattava di stage, bensì di master, e poi hanno cambiato nome all'iniziativa, che da Programma Stages si è trasformata in Programma Voucher. Come se cambiando il nome potesse cambiare la sostanza delle cose. Come se chiamare i superstagisti voucheristi mettesse il consiglio regionale al riparo dal dovere di rispettare le leggi.Adesso i ballerini sono stanchi, vogliono sedersi. Anche le persone che partecipano a questo progetto sono stanche. Hanno fatto tre mesi di formazione in università, dal novembre del 2008 al gennaio del 2009. Poi già dodici mesi di stage, da febbraio 2009 ad oggi, e gliene restano ancora nove prima di concludere. Vogliono un lavoro: che era quello che la maggior parte di loro cercava fin dall'inizio, com'era ovvio che fosse. Il consiglio regionale glielo sta per dare, e tutti dovrebbero essere contenti. Peccato che a questo risultato, che si iscrive purtroppo nella solita logica italiana dell'assistenzialismo pre-elettorale, si sia arrivati calpestando diritto, buonsenso e trasparenza.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Superstage calabresi, in arrivo un emendamento-traghetto verso l'assunzione- I consiglieri Giamborino e Borrello: «Niente proroghe ai superstage, i ragazzi vanno assunti: ci riduciamo lo stipendio per incentivare gli inserimenti»E anche:- Consiglio regionale calabrese, la lettera aperta di una superstagista al presidente Bova: non siamo altro che manovalanza per enti assetati di personale- Superstage calabresi, ancora nessuna risposta all'interrogazione parlamentare. Pietro Ichino: il governo non sa che pesci pigliare- Superstage calabresi, l'interrogazione parlamentare di Ichino

Chance ai giovani, Bangladesh - Italia uno a zero. A quando anche qui un microcredito "alla Yunus" per aiutare i ragazzi a diventare indipendenti?

Ieri a Milano c'era Muhammad Yunus. L'uomo che si è inventato il microcredito, creando una banca per i più poveri e realizzando una sorta di rivoluzione economica che ha rimesso in piedi il suo paese, il Bangladesh. L'uomo che ci ha creduto per trent'anni: all'inizio in solitudine, poi con il sostegno crescente di economisti e attivisti, fino al bestseller Il banchiere dei poveri (pubblicato nel 1998 da Feltrinelli) e al premio Nobel per la pace, ricevuto nel 2006.Lasciamo perdere le note stonate della serata al teatro Dal Verme, dalla complimentosa cerimonia delle buone intenzioni orchestrata dal redivivo Red Ronnie ai contributi musicali inaspettati e inappropriati di due cantanti (l'esordiente Erica Mou e poi Paola Turci), fino allo spot elettorale del sindaco Letizia Moratti che ha fatto perdere la pazienza al pubblico facendo salamelecchi a Lucio Stanca ad di Expo e Alessandro Profumo di Unicredit, quando tutta la platea aspettava ormai da un'ora l'intervento di Yunus.Soprassediamo quindi sul quadro della serata, e andiamo al centro: a lui, Yunus. Che è un genio, senza se e senza ma. Uno che ha capito che per sconfiggere la povertà c'è un sistema infallibile, l'accesso al credito (con un approccio pragmatico ben più convincente degli appelli alla solidarietà un po' generici e pelosi lanciati dal palco). Cioè permettere a tutti, anche ai più poveri, di costruirsi il loro piccolo – talvolta addirittura microscopico – business. E legare indissolubilmente la crescita del benessere economico alla diffusione dell'istruzione: così tutte le donne che hanno ricevuto in trent'anni prestiti dalla banca di Yunus, la Grameen, e sono oggi azioniste di quella stessa banca, hanno dovuto promettere non solo di restituire il finanziamento ricevuto, ma anche di mandare i propri figli a scuola. Il che ha creato oggi, in Bangladesh, una nuova generazione più forte: istruita, colta, pronta al futuro. Ingegneri, medici, economisti, insegnanti: potevano essere bambini analfabeti, sono stati bambini istruiti. Potevano essere adulti analfabeti, condannati a ripetere la vita dei genitori: sono oggi adulti diplomati, in molti casi addirittura laureati. Grazie alle borse di studio della Grameen. Grazie alle idee del visionario Yunus.Questo cosa c'entra con i giovani italiani? C'entra. Dalle ultime file del teatro Dal Verme, ieri, una voce di ragazza si è alzata, esasperata, proprio mentre Letizia Moratti aveva chiamato sul palco Profumo a raccontare del nuovo progetto di Unicredit, una finanziaria che erogherà microcrediti agli ex carcerati. E la ragazza ha urlato: «Prima che ai carcerati, pensate ai laureati!».Questa ragazza ha ragione. L'accesso al credito, nell'Italia del 2010 agiata ed evoluta, è precluso ai giovani. E non si tratta solo di quando si vuole comprare una casa, e le banche non si fidano di chi non ha la busta paga e pretendono l'umiliante procedura della garanzia dei genitori. Si tratta anche – e soprattutto – di quando un giovane ha un'idea e vorrebbe realizzarla da solo, sulle sue gambe. Aprendo la sua microimpresa, avviando un business, con la prospettiva magari di poter creare, se le cose andranno bene, anche posti di lavoro per altri. Ma le banche italiane non gli aprono nemmeno la porta: meglio continuare sulla strada già battuta e non rischiare – non sia mai che il prestito non venga restituito, che il giovinastro s'involi coi denari.Il punto è che non è vero. Yunus lo ha dimostrato: la sua Grameen Bank registra un tasso di restituzione dei finanziamenti del 97%, pur prestando soldi ai più poveri tra i poveri, perfino ai mendicanti (e di questi uno su cinque, grazie al miracolo del microcredito, non solo vive meglio ma esce anche dalla condizione di accattonaggio). Se qualche banca decidesse di fare lo stesso coi 20-30enni italiani, dando fiducia anche ai precari, anche agli stagisti, anche ai nullatenenti, creerebbe un humus eccezionalmente fertile per lo sviluppo e la crescita di questi giovani e dell'intero Paese. È questa la prossima battaglia: l'accesso al credito per noi giovani. Per poter smettere di dover dipendere dai nostri genitori, poter sognare non solo un lavoro dipendente ma anche un futuro da imprenditori, e poter avere un'opportunità per realizzare le nostre idee e i nostri sogni. Perchè, a dirla con Yunus, quando una persona non trova lavoro deve rovesciare la prospettiva: smettere di cercare qualcuno che glielo dia, ma utilizzare le proprie energie e la propria mente per crearne uno. Far partire, insomma, un'avventura imprenditoriale in grado di dare lavoro non solo a chi la avvia ma anche ad altri, contribuendo così allo sviluppo del Paese. E per fare questo – in Italia così come in tutto il mondo – ci vuole un sistema creditizio alleato, e non nemico, dei giovani.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Bamboccioni? Nel libro «L'Italia fatta in casa» Alesina e Ichino spiegano di chi è la colpa- Giovani, lavoro e stipendi troppo bassi: quando al mutuo ci pensa papà (indebitandosi). Parola di Luigi Furini- Caro Celli, altro che emigrare all’estero: è ora che i giovani facciano invasione di campo e mandino a casa i grandi vecchi- Stage gratuiti o malpagati, ciascuno può fare la rivoluzione: con un semplice «no»

La lezione di Rita Levi Montalcini: i giovani devono credere in se stessi nonostante tutto e tutti

Il punto di vista di un outsider che invita i giovani a riappropriarsi del loro futuro: con questo nuovo editoriale Alessandro Rosina, 40 anni, docente di Demografia e autore insieme a Elisabetta Ambrosi del bel saggio Non è un Paese per giovani (Marsilio) prosegue la sua collaborazione con la Repubblica degli Stagisti.Nel 1938 c’è una giovane assistente volontaria all’interno della Clinica delle malattie nervose e mentali dell’università di Torino. Ha 29 anni e si è laureata due anni prima con 110 e lode vincendo le ostinate resistenze del padre che, pur desiderando per la figlia una buona formazione di base, è contrario all’emancipazione femminile e non avrebbe voluto mandarla all’università. La brillante dottoressa si chiama Rita Levi Montalcini e oltre alla difficoltà di essere femmina deve fare i conti anche con quella di essere di religione ebraica, grazie alla vergogna delle leggi razziali emanate da Mussolini. Il solerte rettore dell'ateneo torinese, Azzo Azzi, si allinea subito alle disposizioni del regime fascista ed emana un decreto che sospende «la dott. Levi Rita (…) dal servizio, a decorrere dal 16 ottobre 1938-XVI». La Montalcini si trova costretta ad emigrare e se ne va, in un primo periodo, in Belgio. Dopo la guerra viene poi invitata negli Stati Uniti dove svilupperà le ricerche che la porteranno nel 1986 ad essere insignita del premio Nobel per la Medicina.Alla fine ha vinto lei. Le sue doti e la sua voglia di esprimerle non sono state soffocate né dalle resistenze culturali del padre, né dalla stupida spietatezza del regime fascista, né dalla pavida zelanteria degli Azzo Azzi asserviti al sistema. Tutti ostacoli che hanno, semmai, rafforzato le sue convinzioni e la sua determinazione. Ora, fortunatamente, tutto è diverso. Il nostro Paese ha imparato la lezione e i giovani talenti sa allevarli, valorizzarli e offrir loro il giusto spazio. Ora una giovane dottoressa Levi Rita non verrebbe spinta ad andarsene all’estero per trovare il giusto riconoscimento del proprio valore. Ricerca e investimento nella qualità del capitale umano sono state il faro che ha guidato l’azione degli ultimi governi. Del resto non è questo il modo migliore per far sviluppare un paese e mantenerlo competitivo? E invece no, in verità le cose non stanno così. Dobbiamo purtroppo continuare anche oggi ad augurarci che i nostri brillanti giovani, come la Montalcini, non si facciano scoraggiare dai tanti ostacoli che continuano a trovare nel loro percorso di vita e professionale. Del resto anche Dante se n’è dovuto andare da Firenze – ma poi almeno ha deciso lui chi mettere in paradiso e chi all’inferno! Forse il segreto è proprio quello di non smettere mai di credere in se stessi, nonostante tutto e tutti.Alessandro RosinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- L’Italia divisa e l’arte della fuga: se i giovani migliori scappano dal Mezzogiorno, laggiù cosa resterà?- Caro Celli, altro che emigrare all’estero: è ora che i giovani facciano invasione di campo e mandino a casa i grandi vecchi- «Non è un paese per giovani», fotografia di una generazione (e appello all'audacia)

500 euro al mese, no grazie: ministro Brunetta, i giovani italiani vogliono opportunità non carità

Ministro Brunetta, per favore, lasciamo perdere la carità. Per uscire di casa, diventare indipendenti, costruirsi la propria casa e la propria famiglia, ai ragazzi italiani 500 euro al mese non servono a niente - se non a prosciugare le già vuote casse dello Stato. Per offrire un futuro ai suoi giovani l'Italia ha bisogno di un'iniezione di meritocrazia, di trasparenza, di ammortizzatori sociali, di politiche salariali. Il problema non sono i 500 euro al mese. Il problema sono le imprese che propongono contratti a progetto farlocchi, dove il progetto non esiste, esiste solo la volontà di risparmiare sui contributi e tenersi alla larga dagli obblighi che i contratti più tutelanti impongono. Il problema sono gli stipendi, perché da nessuna parte – tantomeno nelle grandi città come Milano o Roma – si sopravvive con 800 euro al mese, eppure c'è chi propone queste retribuzioni da fame e ahimè c'è anche chi le accetta, salvo poi chiedere un'integrazione a mamma e papà per arrivare a fine mese. Il problema sono i sindacati che difendono lo status quo e cioè il "mercato del lavoro duale", dove chi ha un buon contratto è al sicuro e chi invece è precario non ha tutele né garanzie. Il problema sono i laureati costretti a fare un mestiere che non c'entra niente con quello che hanno studiato: è una sconfitta per il mercato del lavoro che nel nostro Paese va in scena tutti i giorni. Il problema sono i soliti noti e i figli di che si accaparrano, spesso senza merito, i posti migliori – lasciando indietro chi è più bravo ma non ha santi in paradiso. Il problema è la gerontocrazia imperante, che permette a 70-80enni di decidere in perpetuo i destini politici ed economici del nostro Paese, considerando i 30enni poco più che bambini e i 40enni ancora "giovani".  Il problema sono i 500mila stagisti che ogni anno invadono enti e aziende, portando entusiasmo e forza lavoro, che non sono minimamente tutelati e che troppo spesso alla fine dello stage si ritrovano con un pugno di mosche in mano.Un governo che si dice attento alle nuove generazioni deve lavorare per rimuovere queste ingiustizie e assicurare prospettive ai suoi giovani. Non promettere demagogicamente uno "stipendio statale" da 500 euro al mese, perché quella si chiama carità. E i giovani, se permette ministro Brunetta, spesso non hanno lavoro e spesso non hanno stipendio, ma almeno hanno ancora una dignità.Eleonora VoltolinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Progetto "Les 4" di Promuovi Italia: il rovescio della medaglia- Bamboccioni? Nel libro «L'Italia fatta in casa» Alesina e Ichino spiegano di chi è la colpa

Gli stage servono a farti lavorare gratis: lettera aperta al vetriolo di Nicola Zanella agli stagisti (o aspiranti stagisti) italiani

«Per quel progetto? Prendiamo uno stagista, che non ci costa nulla».Caro mio, mi dispiace ma devi rimettere i tuoi sogni nel cassetto. Quella telefonata, nella quale ti proponevano un magnifico stage “professionalizzante”, in realtà era una trappola. Ti avrebbero potuto chiedere direttamente: «Dottore, è disponibile a lavorare per noi gratuitamente per otto ore al giorno?». Così almeno sarebbero stati sinceri.Forse esagero. In effetti in alcuni casi fare uno stage può essere una buona idea, arricchire le competenze e dare opportunità per una successiva assunzione. Ma troppo spesso si risolve in una perdita di tempo. Non mi credi? Vediamo i buoni motivi per i quali di solito si accetta la proposta di stage.«Così imparo un lavoro». Bene. Dimmi però che professionalità ti costruisci facendo fotocopie dalla mattina alla sera, inserendo dati tutto il giorno o facendo telemarketing. Se va bene puoi imparare a usare la fotocopiatrice per fascicolare, fare gli ingrandimenti, e soprattutto, togliere la carta inceppata. Oppure puoi diventare “la mano” più veloce dell’azienda nell’inserimento dati e imparare ad usare tutte e cinque le dita invece del solo indice. Un Mozart del pc… Se proprio ti va bene arricchirai il tuo vocabolario di nuove parolacce, sentendo le risposte delle persone che chiami per la tua importantissima ricerca di mercato mentre sono a casa che cenano con la loro famiglia dopo una giornata di lavoro.«Mi hanno detto che seguirò un progetto interessante». Sì, come no. Immagina che importanza potrà avere un progetto affidato ad uno stagista senza alcuna esperienza… E poi spesso sono progetti talmente specifici che invece di aumentare le tue future possibilità di lavoro le fanno precipitare. Il massimo poi è quando ti chiedono di fare il venditore. Con che coraggio si chiede ad uno stagista di cercare nuovi clienti e di andare in giro per vendere prodotti e servizi? Certo, è vero che vendere è una bella “palestra” che insegna molto di più di qualsiasi corso manageriale. Ma da quando è stato inventato il commercio, chi vende un prodotto ha diritto ad un compenso, una commissione. Invece lo stagista no: un buono pasto e via.«Almeno vedo l’azienda dall’interno, capisco come funziona». Ma pensi veramente che il tuo tutor ti porterà in riunioni importanti, magari nelle quali si discutono progetti futuri o si mostrano dati aziendali che domani potresti comunicare alla concorrenza? Io dico di no. Bene che ti vada ti presenterà alle persone con cui dovrai relazionarti. Solo che i tuoi “colleghi” di  lavoro percepiranno la notizia in un altro modo: «ecco quello che potrebbe portarvi via il lavoro». E così spesso gli stagisti trovano difficoltà ad inserirsi nelle aziende: perché «se uno stagista è sveglio, intelligente e magari si presenta anche bene, potrebbero metterlo al mio posto…perché dovrei dargli una mano?»: questo è quello che molti pensano. E via con i «non ho tempo», «mi spiace ma già abbiamo poche cose da fare noi, come facciamo a dare del lavoro a te».  E con le gelosie. Soprattutto tra donne, quando la stagista è giovane e carina. «Imparerò qualcosa dal mio tutor». Deve essere proprio un’anima buona. Se ha molto tempo da dedicarti vuol dire che è una figura praticamente inutile quindi ci sarebbe poco da imparare. Anzi, meglio apprendere il meno possibile. Se invece il tuo tutor è uno in gamba o una figura importante, secondo te avrà il tempo di spiegarti come si fanno le cose? Già ora va a casa tutti i giorni alle nove e mezza di sera, rovinandosi la salute e rischiando il divorzio, figurati se ha tempo da perdere con uno scocciatore del quale tra un mese si perderanno le tracce… Quindi rassegnati a passare il tuo tempo da solo, apprendendo solo dall’osservazione, oppure a darti appuntamento con il tuo tutor alle nove e mezza di sera. Forse troverà cinque minuti per mostrarti qualcosa di interessante. Magari mentre cerca per l’ennesima volta di giustificarsi al telefono con la moglie per il ritardo con cui andrà a casa.E poi, soprattutto in questo periodo, quanti posti vacanti pensi che ci siano in un’azienda? Praticamente zero. E anche se ci fossero, sai quanto sono gli stagisti e gli ex stagisti tra i quali quell’azienda potrebbe scegliere? Sono decine, a volte centinaia. Una specie di lotteria.«Ma così le aziende possono valutarmi vedendomi all’opera». E’ quello che ti dicono, caro il mio illuso. Se volessero veramente valutarti, credendo in te, ti assumerebbero con un vero contratto di lavoro. C’è il periodo di prova. Basta e avanza per valutarti ed eventualmente per rispedirti al mittente…Nicola Zanella* Nicola Zanella, 37 anni, si è laureato in economia aziendale alla Bocconi di Milano, ha lavorato nel marketing per Wella e dal 2000 ha avviato uno studio per fornire servizi di consulenza e formazione manageriale. Di recente ha pubblicato con la casa editrice Sperling&Kupfer Il brainstorming è una gran caxxataNota dell'autore: il taglio di questa lettera è volutamente provocatorio, nello stile del mio libro. Le alternative serie ci sono: le trovate nell'intervista.Per saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Il brainstorming? Una gran caxxata: in libreria un manuale che demolisce manager e aziende- Nicola Zanella, autore del libro "Il brainstorming è una gran caxxata": «Gli stage servono a far lavorare gratis la gente» 

L’Italia divisa e l’arte della fuga: se i giovani migliori scappano dal Mezzogiorno, laggiù cosa resterà?

Il punto di vista di un outsider che invita i giovani a riappropriarsi del loro futuro: con questo nuovo editoriale Alessandro Rosina, 40 anni, docente di Demografia e autore insieme a Elisabetta Ambrosi del bel saggio Non è un Paese per giovani (Marsilio) prosegue la sua collaborazione con la Repubblica degli Stagisti.La Banca d’Italia ha appena pubblicato uno studio sulla mobilità per lavoro in Italia, che mette in luce soprattutto la presenza di un consistente flusso di uscita dalle regioni del Sud Italia - il che conferma quanto già da qualche anno emergeva dai dati Istat e dai rapporti dello Svimez. Ma, oltre al dato quantitativo, ancor più degno di nota è quello qualitativo: ad abbandonare il Mezzogiorno sono soprattutto le sue risorse migliori, ovvero i giovani con istruzione più elevata e con maggiori qualifiche professionali.Se l’Italia appare una nave che affonda, le falle maggiori si trovano a Sud. Da quest'area del Paese chi può se ne va. Chi rimane si rassegna rinunciando sia a lavorare che a fare figli. Da qualche anno, infatti, il Sud è diventata anche una delle aree con più accentuata denatalità del mondo occidentale. Oltre alla fiducia sembra oramai persa anche la speranza. Difficile trovare un’altra area del mondo sviluppato che stia disinvestendo così tanto nel capitale umano, in termini sia quantitativi che qualitativi. Pochi figli, pochi servizi per l’infanzia, basse performance scolastiche, ridotte opportunità occupazionali, emorragia delle risorse migliori. Nel 2011 celebreremo un secolo e mezzo di unità d’Italia, ma ci sarà ben poco da festeggiare se ci arriviamo continuando a fuggire dai problemi invece di risolverli. Perché, allora, anziché intenderlo come un desolante anniversario commemorativo, non lo facciamo diventare un’occasione per raccogliere e lanciare nuove idee, anche provocatorie e scomode, per l’Italia del futuro? In alternativa al “si salvi chi può”, cosa servirebbe all’Italia per non affondare e avventurarsi in più prolifiche e produttive acque? Meno assistenzialismo, forse, e più politiche attive che promuovano l’entrata e la permanenza nel mercato del lavoro. Meno privilegi legati all’anzianità e maggiore valorizzazione delle capacità dei singoli. Meno corporazioni e più spazio alla libera iniziativa. Meno cooptazione e nepotismo e più selezione basata su trasparenza e merito. Meno fughe individuali e più reazioni collettive?Alessandro RosinaPer saperne di più su questo argomento, leggi anche:- Caro Celli, altro che emigrare all’estero: è ora che i giovani facciano invasione di campo e mandino a casa i grandi vecchi- «Non è un paese per giovani», fotografia di una generazione (e appello all'audacia)- Trentenni italiani, la sottile linea rossa tra umili e umiliati nel libro «Giovani e belli»